Brevi calcio (e mercato)

15.06.2019 23:30 di Marco Rossi Mercanti Twitter:    Vedi letture
Fonte: Redazione Vocegiallorossa - Marco Rossi Mercanti
Brevi calcio (e mercato)

Con l'arrivo dell'estate, inevitabilmente il calciomercato diventa argomento quotidiano, che accompagnerà tifosi, giocatori e società sino all'inizio dei campionati. 

Vocegiallorossa.it propone ai nostri lettori un appuntamento fisso con le principali notizie riguardanti le restanti 19 partecipanti alla Serie A oltre la Roma, non limitandosi alle consuete voci di mercato, ma aggiungendo anche curiosità e dichiarazioni dei protagonisti.

ATALANTA - Dopo aver conquistato la Scudetto Primavera con l'Atalanta, il tecnico nerazzurro Massimo Brambilla è pronto per il salto verso il calcio dei "grandi". Infatti, il tecnico potrebbe allenare in Serie B: può diventare un idea per Spezia e Chievo, due club ancora alla ricerca di una guida in panchina per la prossima stagione.

BOLOGNA - L'ex portiere Luca Bucci ha parlato di Lukasz Skorupski: "È molto forte, mi auguro che continui a fare bene, perché è più forte di quello che ha dimostrato finora. Ha grandi qualità, è stato determinante in diverse partite e ci ha salvato. Sono esigente, così come lui, sappiamo che può migliorare".

BRESCIA - Avviso per gli abbonamenti sul sito ufficiale:

Da oggi è possibile rateizzare anche il costo dell’abbonamento di Curva Nord

CAGLIARI - I sardi seguono con attenzione Gori del Pisa. Barella in conferenza stampa con l'Under 21: "Mercato? È un'occasione troppo importante per pensare ad altro. Vogliamo arrivare più avanti possibile, ho già avvisato tutti di lasciarmi tranquillo".

FIORENTINA - Rocco Commisso dopo l'ufficialità della permanenza di Montella: «Sono molto felice di potermi presentare a voi in una città che amo e che mi ha dato tanto come New York. Restando tutti uniti, come una famiglia, potremo portare la Fiorentina al successo. Questa squadra era nel mio destino e sono molto felice di essere entrato a far parte della città di Firenze. Ho detto al sindaco che io voglio andare “fast”, che sono arrivato per investire nella squadra e anche nella città. Voglio sottolineare che non ho comprato la Fiorentina per fare soldi, perché non ne ho bisogno». Gandini e Scolari non entreranno in società. Elena Linari, difensore dell'Italia Femminile, sulla possibilità di approdare a Firenze: "La maglia viola è sempre difficile da rifiutare, ma io in questo momento ho prolungato fino al 2022 il contratto con l'Atletico Madrid e sto bene là. Per il futuro con calma vedremo". Batistuta: "Io alla Fiorentina? Solo se potrò essere utile". Il nuovo dirigente Barone sulla suggestione Ibrahimovic: "Non ci ho mai parlato".

GENOA - Il saluto di Giorgio Perinetti al Grifone: "Il mio addio credo sia giusto, il Genoa ha in mente cambiamenti societari ed è una decisione condivisa col presidente. Ho dato il mio contributo al Genoa dopo essere arrivato in una situazione critica. Adesso c'è bisogno di novità e cambiamento e il presidente farà le sue scelte".

HELLAS VERONA - Per la difesa è stato proposto Zeffane del Rennes. Moise Kean ricorda l'anno in prestito agli scaligeri: "Può sempre servire andare in prestito per i giovani, puoi migliorare, avere più spazio, essere più consapevole di ciò che fai. A me è servito molto. Ho imparato a stare con i grandi, a stare in Serie A. Sono stato molto fortunato a tornare alla Juventus e avere spazio per dimostrare quello che so fare".

INTER - Nonostante il ko in finale con l'Atalanta, Armando Madonna è stato confermato alla guida della Primavera: "Mi fa piacere perché bisogna riprovarci. L'ho detto all'inizio, in finale conta vincere ma oggi non l'abbiamo fatto; faccio i complimenti all'Atalanta, sono dispiaciuto per i ragazzi. Abbiamo fatto una partita di cuore, alla fine stavamo controllando e abbiamo preso gol in contropiede". L'ex tecnico Spalletti sul suo successore Conte: "Chi va a costruire sceglie persone per ruoli importanti. Cosa manca all'Inter per arrivare in alto? È una grande squadra e una grande realtà, con una grande tifoseria, te ne rendi conto solo vivendoci dentro e devi rendere conto a queste persone".

JUVENTUS - L'ironia di Gene Gnocchi sull'arrivo di Sarri: "È una scommessa che mi intriga molto, anche solo l'idea di vederlo a bordo campo senza la tuta è interessante. Magari si inventerà la giacca della tuta con la cravatta. Poi voglio capire che Juventus farà. Ancora non sappiamo se Dybala andrà via o se Higuain rimarrà". Il Pipita, nonostante il probabile ingaggio di Sarri, non è sicuro di restare. Bernardeschi sulla sua avventura alla Juventus: "Oggi continuo a lavorare in questo modo perché il calcio è la mia vita e per la mia passione farei di tutto. Ripeto, sono un ragazzo fortunato e ogni giorno cerco di migliorarmi e di crescere, per raggiungere traguardi sempre più importanti. Ho la fortuna di giocare in una società molto ambiziosa, una delle più importanti del mondo, in cui è davvero possibile realizzare tutti i propri sogni, ma ci si deve impegnare ogni giorno oltre i propri limiti. Abbiamo grandi responsabilità".

LAZIO - Dall'Inghilterra scrivono di un interesse del West Ham per Immobile, ritenuto però incedibile. Giuseppe Cangemi, vicepresidente del Consiglio regionale del Lazio, parla della possibilità di Lotito di acquisire Alitalia: "Lotito è un imprenditore capace che ha dimostrato negli anni di saper sanare situazioni complesse con la massima attenzione alla tutela dei lavoratori. Gli attacchi che leggiamo in questi giorni sorprendono e appaiono davvero strumentali. Lotito non è solo il presidente dell’unica società sportiva che ancora vince in Italia, dopo la Juventus; è anche a capo di aziende che gestisce con grande competenza. La decisione di mettersi in gioco per salvare Alitalia dovrebbe essere apprezzata anche perché, considerando la condizione disastrosa in cui si trova la compagnia, siamo di fronte a un gesto quasi eroico”. Jony può arrivare a parametro zero.

LECCE - Concorrenza dei biancocelesti della Lazio per Ersoy. Tre club di Lega Pro sul giovane Di Matteo.

MILAN - Si prova a trattenere Suso. Non solo Manolas: monitorato Lovren per la difesa, ma il Liverpool chiede 20 milioni di euro. L'ex stella Ruud Gullit: "Il Milan ha sofferto un po', non è riuscito a qualificarsi per la Champions League. Spero che faranno bene il prossimo anno e che Paolo farà un bel lavoro. Servono i soldi, con quelli puoi comprare i giocatori. Li hanno spesi anche negli altri anni ma non hanno preso i giocatori di cui aveva bisogno il Milan".

NAPOLI - La sorella di Ospina, nonché ex moglie di James Rodriguez, sul possibile futuro del colombiano in Italia: "Napoli o Juventus? L'unica cosa che posso consigliare è di andare in una squadra che lo faccia sentire importante. È ancora giovane, deve pensare in grande. Andare in Italia sarebbe una bella opportunità. Lui e mio fratello David sono concentrati sulla nazionale, ma parlano anche delle rispettive squadre".

PARMA - Il ds Faggiano è al lavoro per trattenere Sepe. Si avvicina Karamoh. Non solo Balotelli per l'attacco: piace Pinamonti.

SAMPDORIA - Ufficiale la rescissione con Giampaolo:

Il presidente Massimo Ferrero e Marco Giampaolo comunicano che sono stati completati tutti i passaggi per la risoluzione consensuale del contratto che legava l’allenatore all’U.C. Sampdoria fino al ‪30 giugno 2020‬.

«Ringraziamo Marco per le tre stagioni con noi – sottolinea il presidente -. Siamo cresciuti insieme, ci siamo tolti delle belle soddisfazioni e ora gli auguriamo buona sorte per il proseguimento della sua carriera. Giampaolo è cresciuto con noi ed è stato un passaggio importante per lo sviluppo del progetto tecnico del nostro club».

«Ringrazio il presidente Ferrero e tutta la Samp per tre stagioni indelebili – commenta Giampaolo -. Sono stato bene a Genova e siamo stati bene insieme. Il mio grazie a tutti i dirigenti, i collaboratori, i dipendenti del club e ai calciatori che hanno condiviso con me questo percorso costruito sul lavoro e sulla dedizione. Resterete nel mio cuore come tutti i tifosi blucerchiati».

Insieme con Giampaolo hanno risolto i loro contratti Francesco Conti, Fabio Micarelli, Salvatore Foti e Samuele Melotto. Anche a loro vanno i ringraziamenti della società per il lavoro svolto e un sincero in bocca al lupo.

SASSUOLO - Pol Lirola apre all'addio: "Il Sassuolo mi ha dato molto, ha significato tutto nel calcio. Ho giocato più di 100 partite tra campionato ed Europa League, ma ora è il momento di cambiare squadra. Penso all'Europeo, poi valuterò il futuro". 

SPAL - Il Napoli è su Fares, gli estensi chiedono 15 milioni di euro mentre i partenopei ne offrono 8 più bonus: possibile una chiusura a 10.

TORINO - Adem Ljajic è stato da poco riscattato dal Besiktas ma potrebbe tornare in Italia: il serbo, infatti, piace al Bologna del connazionale Mihajlovic.

UDINESE - Il nuovo dirigente Pierpaolo Marino: "Udine e l'Udinese sul mio vocabolario corrispondono alla parola casa. Questa società è un modello non solo in Italia ma in tutta Europa e non c'è nulla da correggere come ho letto in queste ore. La famiglia Pozzo ha dimostrato di saper fare grandi cose nel calcio, sia sotto il punto di vista tecnico che manageriale. Fino al marketing. La Dacia Arena è un simbolo del calcio del futuro, aver portato gli Europei Under 21 in questa città è un merito del club che ha proiettato tutta la città al futuro. Sono tornato ad Udine per portare la mia esperienza, la mia passione e per fare da anello di congiunzione tra società e parte tecnica. Qui non c'è nulla da correggere e tantomeno chi mi vede come il salvatore della Patria non conosce il modello Udinese, vincente da 25 anni con 25 partecipazioni consecutive in serie A solo come le romane e le milanesi. Una società di calcio che stringe collaborazioni con l'Università Cattolica di Milano dimostra di essere avanti anni luce anche nei progetti extra campo. Sono contento, inoltre, di aver ritrovato il Direttore Generale, Franco Collavino, uno dei miei allievi migliori che penso, ad oggi, abbia superato il maestro e con il quale lavorerò quotidianamente a stretto contatto, senza alcuna invasione di campo in ruoli dirigenziali differenti. Sono pronto per questa avventura e sono contento di essere tornato a casa". Ufficiale il ritorno di Bajic al Konyaspor.