Udinese, Sottil: "L'appagamento è un nemico pericoloso. Contro la Roma l'abbiamo preparata come sempre, siamo carichi"

03.09.2022 15:41 di Andrea Gonini Twitter:    vedi letture
Udinese, Sottil: "L'appagamento è un nemico pericoloso. Contro la Roma l'abbiamo preparata come sempre, siamo carichi"
Vocegiallorossa.it
© foto di www.imagephotoagency.it

Andrea Sottil, allenatore dell'Udinese che domani affronterà la Roma alle 20:45, ha parlato alla vigilia del match ai canali ufficiali del club: “Quando si vince attraverso una grande prestazione, con personalità e coraggio, contro una squadra forte come la Fiorentina, c’è un’iniezione di consapevolezza incredibile soprattutto in termini di entusiasmo. Questo va usato per preparare la partita contro la Roma. La scorsa vittoria ha fatto ciò nel gruppo, ma dobbiamo essere bravi ad archiviare. L’appagamento è un nemico, è pericoloso. Dobbiamo essere proiettati alla gara contro la Roma e fare una prestazione ancora migliore. Alleno una squadra con determinate caratteristiche in termini di fisicità, di motore, con predisposizione nell’andare in avanti. Poi posso decidere di essere più alto o di attendere, ma la nostra identità è quella di giocarci le partite, che vuol dire saltare addosso agli avversari e mettere pressione sulla palla. Quando questo succede togli il palleggio che tante squadre hanno, come la Fiorentina che lo scorso anno ha avuto alte percentuali di possesso palla”.

La Roma?
"È una squadra un po’ diversa. Tuttavia ha nella sua struttura dei giocatori di qualità che amano il fraseggio corto, il giocare l’uno per l’altro, quindi dobbiamo continuare a essere compatti, corti con le distanze e determinati nell’andare a caccia del pallone. La Roma è una squadra molto forte, che è stata rinforzata con calciatori di alto livello in tutti i reparti e lo sappiamo. Ma è una squadra forte anche la Fiorentina, che ha una rosa atomica e molto competitiva. Nutriamo grande rispetto, però noi siamo in casa e dobbiamo insistere sulla nostra identità, per giocarci la nostra partita. L’abbiamo preparata come sempre, andremo dentro con grande umiltà e consapevoli che ci sarà da performare al 120%. I ragazzi sono pronti, li ho visti molto carichi, concentrati e vogliosi di giocarsela. Sono una squadra molto brava sui piazzati. Bisogna stare molto attenti, andare a fare il lavoro difendente con cattiveria agonistica e ferocia e grande impatto. Sono fisici e lo siamo anche noi, così come siamo pericolosi sui piazzati".

Il mercato?
“Chi voleva andar via, giustamente, per trovare più spazio e mettersi in mostra è andato. La mia conoscenza della squadra adesso è molto più approfondita, in termini di caratteristiche fisiche, tecniche, tattiche e di duttilità. Il gong può essere uno stimolo anche per i giocatori, dà uno stacco definitivo: sono un giocatore dell’Udinese e penso solo all’Udinese. L’hanno sempre fatto, sia chiaro. Non ho niente da recriminare a nessuno, ma è evidente che oggi valga ancora di più. Percepisco che sono contenti soprattutto loro di stare qui”.

Mourinho?
“Sfidarlo sarà entusiasmante e stimolante per me. Sarò di fronte a un allenatore che ha vinto tutto e sicuramente uno dei migliori al mondo. Mi piace come persona e lo trovo molto schietto, molto umano. Non lo conosco bene, ma da quello che ho visto e sentito mi ha dato questa sensazione”.

Ehizibue?
"È un giocatore pronto fisicamente, lo abbiamo preso già in piena attività. A livello di condizione non ha nessun problema, sto facendo delle valutazioni. Può essere che parta o che, come contro la Fiorentina, decida di attendere che possa consolidare meglio i principi di gioco. È un bel dubbio e va bene così, ci penserò fino all’ultimo”.

Beto?
“Un attaccante che fa due gol in due partite manda segnali importanti. Anche lui è un bel dubbio, farò delle riflessioni”.

Masina?
“Mi dispiace molto. Ho parlato tanto con lui in questi giorni. L’ho trovato sereno, dispiaciuto come i suoi compagni perché è un ottimo calciatore, un grande ragazzo che si è integrato velocemente fino a diventare una guida nello spogliatoio e in campo. È uno di quei ragazzi che sembra siano qua da tantissimi anni. E poi stava facendo delle prestazioni importanti ed era in crescita costante, con il Mondiale alle porte al quale secondo me purtroppo non potrà partecipare. Gli faccio un grande in bocca al lupo e gli ho detto di reagire ed essere forte. Sono sicuro che recupererà in fretta”.

Bijol?
"È un ragazzo straordinario, come lo sono tutti. Viene da un altro calcio ma ha grande esperienza, è un giocatore moderno con un gran piede, sta migliorando nei principi difensivi, apprende subito perché è umile e lavora. Sono contento della sua crescita"

La Dacia Arena?
"Questo stadio per come è stato fatto porta la gente a una grande vicinanza coi calciatori, con la partita. Dobbiamo aumentare questo entusiasmo, questa coesione, questa empatia offrendo prestazioni da Udinese, giocando con umiltà e cattiveria agonistica ma mostrando anche un buon calcio. La gente bisogna trascinarla per creare, secondo me, un mix che in casa può fare la differenza”