Trabzonspor, Bruno Peres: "Contro la Roma dovremo essere intelligenti e sfruttare il vantaggio di aver iniziato prima"

18.08.2021 17:35 di Gabriele Chiocchio Twitter:    vedi letture
Trabzonspor, Bruno Peres: "Contro la Roma dovremo essere intelligenti e sfruttare il vantaggio di aver iniziato prima"
Vocegiallorossa.it
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport

Bruno Peres ha parlato ai microfoni di Sky Sport.

Come ti stai trovando in Turchia?
"Credo sia una bella esperienza, una bella avventura dove sto cominciando a vedere la cultura e le altre cose. Sono soddisfatto di quanto ho visto, è un bel campionato, sono contento di aver trovato un bell'ambiente, mi fa tanto piacere. Speriamo che sia una stagione in cui andrà tutto bene e speriamo di raggiungere tanti obiettivi".

Hai trovato Gervinho e Hamsik.
"Sono due amici, due bravi giocatori con cui abbiamo l'opportunità di incontrarci. Sono grandi calciatori e persone, speriamo di fare una bella squadra, un bel gruppo e fare qualcosa di grande".

Domani la Roma, ci saranno 20.000 tifosi. Siete più avanti in preparazione.
"Credo che il fatto della tifoseria nostra al 50% è bellissimo, abbiamo già sentito il calore e il loro affetto, è una cosa pazzesca, è bellissima. Credo che aver iniziato la preparazione prima ci dà vantaggio, è importante per noi. Dobbiamo essere intelligenti, abbiamo cominciato prima e abbiamo un piccolo vantaggio".

Pensavi di rimanere in Italia?
"L'anno scorso ho fatto tante partite, una quarantina di partite. Abbiamo fatto un gran percorso in Europa League, la soddisfazione è giocare bene e dare un gran contributo alla squadra, alla maglia che era importante. La voglia di rinnovare l'ho sempre dimostrata, poi ho avuto la possibilità di venire al Trabzonspor e non ci ho pensato due volte. Ho pensato a me ed è stato decisivo in una squadra in cui ho visto la possibilità di vincere e fare grandi cose. La decisione è stata bella".

Che idea ti sei fatto della Roma di Mourinho?
"Dopo che sono uscito dalla Roma non ho seguito tanto, sono tornato a Roma perché mia moglie è romana. Ho visto Pellegrini, Mancini, Dzeko, Ibanez, con lui parlo sempre, Fuzato. Sto in contatto con tanti ragazzi, l'amicizia è rimasta e credo sia importante, speriamo bene e di ritrovare tutti quanti":

Che cosa avete detto agli ex compagni a proposito di questa trasferta?
"Roma ha una città e una tifoseria che conosciamo bene, sarà bello tornare a Roma, all'Olimpico. Credo che sarà un bel viaggio, tornare in una città dove ho vissuto per anni e trovare tutte le persone che ci tengono. Mi farà piacere, ma ora bisogna stare concentrati per questa partita in cui cercheremo di andare avanti".

Bruno Peres ha parlato anche in conferenza stampa

Sulla partita.
“Siamo consapevoli dell’importanza della partita che giocheremo. Giocheremo contro una squadra che ha fatto la differenza in Europa. Sappiamo che rappresentiamo il Trabzonspor. Tutti noi lavoriamo per questi momenti. Condividiamo con il nostro coach quello che l’avversario sa fare. Col supporto dei tifosi, le cose sono un po’ più facili. Proveremo a farcela domani. Ho potuto giocare in questa squadra per molti anni, siamo consapevoli della nostra forza”.

Sulla concentrazione.
“Prima di tutto, sarà una partita difficile, ma abbiamo possibilità di passare il turno. Decideranno i dettagli. Penso che la concentrazione farà la differenza. Avremo il vantaggio di aver già giocato gare ufficiali, e di giocare in casa. Abbiamo le stesse possibilità di passare il turno”.

Sui terzini.
“Guardando l’ultima partita, abbiamo giocato io e Ismail. I terzini sono importanti e supportano sia la difesa che l’attacco, anche se il compito principale è difendere, e se possiamo attaccare. Penso che il Trabzonspor sia fortunato in termini di giocatori giovani. Ci guardano in modo diverso, io guardo a cosa posso fare meglio e così vedo loro”, riporta Milliyet.