Lazio, Lulic: "Le provocazioni di Rüdiger? A Stoccarda vendeva cinture e calzini, ora è un fenomeno. È una persona maleducata". Poi si corregge: "Anche i bianchi vendono i calzini". VIDEO!

04.12.2016 22:53 di Marco Rossi Mercanti Twitter:    Vedi letture
© foto di www.imagephotoagency.it
Lazio, Lulic: "Le provocazioni di Rüdiger? A Stoccarda vendeva cinture e calzini, ora è un fenomeno. È una persona maleducata". Poi si corregge: "Anche i bianchi vendono i calzini". VIDEO!

Lulic a Premium Sport

“Abbiamo perso il derby per due errori nostri, questi errori non si devono fare, soprattutto al derby e così abbiamo perso. Nel primo tempo dovevamo fare sicuramente un gol, poi abbiamo commesso due errori che secondo me non dobbiamo fare e oggi si è perso così, tutto qua. Non usciamo ridimensionati, ne abbiamo persa una dopo 9 partite positive, da domani si pensa alla Sampdoria, guardiamo avanti perché il campionato è lungo. Rüdiger? Due anni fa a Stoccarda vendeva cinture e calzini, ora è un fenomeno, ma non è colpa sua, è di chi sta intorno. È una persona maleducata. Non rispondo, io ho detto quello che penso di lui. Oggi si è perso, ma guardiamo avanti. Dobbiamo crescere e smettere di fare questi errori".

Lulic a Lazio Style Radio

“Sono due errori che non dobbiamo fare, ci hanno fatto perdere la partita. Gli errori però si fanno e solo così si cresce. Wallace sta facendo un campionato molto positivo, oggi ha fatto questo errore che io spero che non ripeterà. Ma tutti abbiamo fatto degli errori, io per primo. Ora ci alziamo e guardiamo avanti. Il fattore emotivo ha influito? No, non ha influito, nel primo tempo abbiamo creato molto e avremmo dovuto segnare. La partita sarebbe cambiata. Poi gli episodi hanno deciso il derby. Classifica? I conti si fanno alla fine. Oggi abbiamo perso tre punti, andremo a Genova per vincere. Dobbiamo guardare a casa nostra e fare punti. Oggi è stata una partita tipica da 0-0, nessuno voleva rischiare. Noi abbiamo fatto meglio il primo tempo e loro il secondo. Senza errori non avremmo perso. Vediamo ora le prossime partite, vediamo come reagiremo dopo la sconfitta di oggi. Giocatori Roma troppo spavaldi? Lasciamo perdere, non ne voglio più parlare, ora è inutile. Dopo la sconfitta le teste sono calde e si dicono cose che non si dovrebbero dire”.

Lulic in zona mista

"Abbiamo fatto dei regali, specialmente in questa partita non andavano fatti. Abbiamo perso per due errori. Nel primo tempo potevamo andare anche in vantaggio, sarebbe stato diverso il resto della partita. Nella ripresa siamo calati, concedendo anche alcuni errori. Oggi abbiamo perso tre punti, tutto qua. Il campionato è ancora lungo, non abbassiamo la testa, non muoriamo oggi. Se lascerà il segno, questa gara, lo vedremo nelle prossime partite. Se la Roma è superiore? Il risultato dice questo, noi guardiamo in casa nostra. Ci rialziamo, sabato si vedrà il nostro carattere, non non molliamo, vogliamo continuare dai risultati positivi conquistati finora. Rudiger? Lasciamo stare. Razzismo? Non vedo dove sia, i calzini li vendono anche gli italiani. Dispiace per i tifosi, ma anche per me. Partite come il derby sono bella da vincere".