L'avversario - Fraseggi e possesso palla ma scoperto in contropiede e debole sulle palle alte

18.05.2019 16:30 di Alessandro Carducci Twitter:    Vedi letture
Fonte: Redazione Vocegiallorossa - Alessandro Carducci
© foto di Giacomo Morini
L'avversario - Fraseggi e possesso palla ma scoperto in contropiede e debole sulle palle alte

Sarà il Sassuolo di Roberto De Zerbi ad affrontare la Roma questa sera alle 20:30.

PUNTI FORTI – Gli emiliani segnano parecchio: finora sono 52 i gol segnati, gli stessi della Lazio, due in più del Milan.
I neroverdi prediligono la costruzione della manovra da dietro, trovando spesso traiettorie di passaggio pulite anche grazie al continuo movimento dei calciatori e alla propensione offensiva dei due offensivi, con Lirola in particolare che spesso sale sulla stessa linea degli attaccanti.
Pochi lanci lunghi, molti fraseggi tra i centrocampisti con palla scaricata poi a Sensi (che stasera mancherà) o Berardi, con quest’ultimo che entra in moltissime azioni da gol del Sassuolo. Viene incontro al pallone, va in profondità o si accentra per lasciare spazio agli inserimenti di Lirola.
Pochi i cross per una squadra brava a fraseggiare nello stretto e che predilige arrivare in area con il pallone. Occhio ai finali di tempi perché il Sassuolo segna molto nell’ultimo quarto d’ora dei due tempi.

PUNTI DEBOLI – Il Sassuolo segna molto ma subisce anche parecchio. Ha preso 57 gol, meglio solo delle tre squadre attualmente in zona retrocessione. È la formazione che prende più gol in contropiede in Serie A, volendo sempre proporre un calcio offensivo e con i terzini molto alti.
La squadra di De Zerbi non si distingue nei duelli aerei, dove risulta debole, prendendo più gol di tutti da azione di calcio d’angolo. Inoltre il reparto difensivo fatica a volte a leggere le imbucate centrali.

GIOCATORI CHIAVE – Se Berardi fosse dotato di un buon tiro, avrebbe già lasciato Sassuolo. Facile capire perché Di Francesco se ne sia innamorato nella sua esperienza emiliana: aiuta la squadra, è intelligente tatticamente e ha una buona tecnica ma una pessima percentuale di tiri nello specchio della porta, fattore che ha rallentato la sua crescita. Bravo nel dribbling, così come Boga, mina vagante del centrosinistra dell’attacco neroverde. Come già accennato, la Roma dovrà fare attenzione alle discese di Lirola, il giocatore con più passaggi chiave proprio dopo Berardi. In compenso, il terzino spagnolo non è impeccabile in fase difensiva.

La probabile formazione del Sassuolo
Sassuolo (4-3-3): Consigli; Lirola, Demiral, Ferrari, Adjapong; Duncan, Magnanelli, Locatelli; Berardi, Boga, Di Francesco.