Julio Sergio: Spero di tornare a Roma un giorno. Lo scorso anno sono stato l'unico a pagare"

09.11.2011 14:09 di Eleonora Ciampichetti   vedi letture
Fonte: Centro Suono Sport
Julio Sergio: Spero di tornare a Roma un giorno. Lo scorso anno sono stato l'unico a pagare"
Vocegiallorossa.it
© foto di Alberto Fornasari

La trasmissione radiofonica "Te la do io Tokyo", in onda su Centro Suono Sport ha intervistato Julio Sergio, ex portiere della Roma, attualmente giocatore del Lecce.
Questo l'intervento completo dell'estremo di fensore salentino:

Nella prossima partita ci sarà il tuo ritorno, come sarai accolto?
"Penso bene, credo di aver fatto bene il mio lavoro, ho lasciato tanti amici a Roma, mi aspetto di essere accolto bene da tutti".

Il tuo addio alla Roma è stata una scelta condivisa o un addio traumatico?
"Sono cambiate tante cose nella società, loro avevano voglia di cambiare, ho deciso quello che era il meglio per me; lasciare Roma mi è dispiaciuto, sono stato talmente bene in tutti i sensi, è stata difficile questa scelta. Penso un giorno di ritornare e fare bene in una squadra che mi ha dato tanto".

E' stato Montella o un altro calciatore a preferire Doni la passata stagione?
"Mi auguro che sia stata una scelta dell’allenatore, lui sceglie un giocatore o un altro. La squadra non faceva bene in generale, ma non penso che dovevo pagare un conto da solo come è stato. Sono tranquillo di avere la coscienza a posto quando vado a letto, di tutta l’esperienza a Roma non cambierei niente".

Le lacrime di Brescia?
"A Brescia è stato veramente difficile, oggi non lo rifarei, forse non dovevo uscire, è stato un brutto momento. E' stata una stagione come non doveva andare per me, volevo confermarmi ma non è stato possibile".

Se la Roma avesse vinto il campionato nel 2010 la tua sarebbe stata la favola più bella.
"L’Inter quell’anno ha fatto benissimo, abbiamo fatto una ripresa che difficilmente farà un’altra squadra, alcuni sono stati protagonisti. E' stato tutto bello e non rimpiango niente, speriamo di poterlo rivivere un altro giorno".

Un giudizio su Bertolacci.
"È un ragazzo eccezionale, è un signore, un calciatore che ha una qualità impressionante; nessuno gli toglie la palla a metà campo, ha una dimensione dello spazio diversa da altri calciatori. Avrà un futuro brillante, speriamo che torni a Roma, lì sarà la sua consacrazione".

Ti aspetti un bombardamento per Roma-Lecce?
"Anche io devo rientrare dopo una pausa, aspetto di rientrare, la Roma ha grandissimi giocatori. L’ allenatore vuole fare un calcio divertente e dare spettacolo, per me sarà una partita particolare, non sarà facile all’Olimpico, non far segnare nessuno della Roma sarà una gran cosa".