Voglia di Roma

21.07.2018 19:58 di Emiliano D'Ambrosio   vedi letture
Voglia di Roma
Vocegiallorossa.it
© foto di www.imagephotoagency.it

L’estate intanto passa ma la voglia di Roma resta! Ben 6.000 i biglietti venduti per il settore ospiti destinato ai tifosi giallorossi al Benito Stirpe di Frosinone in occasione di Roma-Avellino, seconda amichevole stagionale dopo Latina-Roma. La squadra di mister Eusebio Di Francesco ha impattato per 1-1 contro la formazione campana di mister Marcolini che ha avuto la forza di siglare la rete del pareggio al 92’ rispondendo al momentaneo vantaggio giallorosso, firmato ancora una volta Patrik Schick. In questi giorni difficili, nei quali è stato ceduto definitivamente l’ormai ex estremo difensore giallorosso Alisson, il sostegno del tifo non è certamente mancato e ha incitato per 90’ la squadra, nonostante i 35 gradi percepiti in ciociaria. Un nuovo coro è stato intonato in onore della squadra della Capitale, anche in vista della prossima stagione, ormai imminente: “Io sto qui con un pizzico di nostalgia, che magia e mi sento ancora a casa mia, aah questa squadra magica, aah ho voglia di cantar per te, aah strilla forza Roma alé, Roma Roma Roma da capogiro, Roma Roma Roma senza respiro, Roma Roma Roma divento pazzo, Roma alé Roma alé Roma alé!”. Con queste strofe i sostenitori hanno accolto la squadra sin dalle battute iniziali, perché, come spesso accade, durante la settimana si parla molto del più e del meno ma poi quando scende in campo la Roma, diventa tutto insignificante passato. Perché poi in fondo così è, e la gente lo sa e lo ha capito; Alisson non c’è più tra paure ed incertezze, Nainggolan resterà sempre un idolo per la tifoseria, ma il primo nemico quando bisognerà giocarci e tifargli contro. Adesso si pensa solo al presente, incoraggiando i nuovi acquisti che più di tutti ne hanno bisogno data anche, per molti di loro, la giovane età. I 6.000 accorsi a Frosinone hanno perfettamente capito che adesso non è più il momento di mettere in dubbio il lavoro di un DS e di un allenatore che tanto bene hanno fatto la passata stagione, perché poi il giudizio finale lo darà sempre il campo anche se, con un Cristiano Ronaldo in più alla Juventus, i tifosi sognano più che mai un grande colpo per provare perlomeno a dare fastidio. Giocatori che vanno, giocatori che vengono, ciò che conta per la gente romanista è che in campo ci siano quei famosi undici leoni che lottano con il coltello tra i denti, c’è solo tanta voglia di Roma.