Veretout, umiltà e consapevolezza al servizio di Fonseca

05.12.2019 21:00 di Giovanni Parisi Twitter:    Vedi letture
Fonte: Redazione Vocegiallorossa - Giovanni Parisi
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
Veretout, umiltà e consapevolezza al servizio di Fonseca

Forse non tutti lo sanno, ma la Roma ha in rosa tre campioni del Mondo, tutti e tre vincitori del mondiale Under 20, in tre edizioni diverse: Federico Fazio nel 2007, Juan Jesus nel 2011 e Jordan Veretout nel 2013. Proprio il francese ai microfoni di Sky Sport ha parlato della sua prima parte di stagione in maglia giallorossa affermando che "c'è molto da migliorare". Umiltà e consapevolezza mischiati a quantità e qualità sono i tratti distintivi dell'ex Fiorentina, dentro e fuori dal campo. Parlando del rettangolo d gioco, a parte le prime due giornate in cui non era a disposizione, Veretout ha sempre giocato in Serie A, collezionando 1117' in 12 partite, un gol su calcio di rigore contro il Napoli, grande merito nella vittoria di Bologna e tante prestazioni positive. Polmoni e piedi educati confermati dai dati e dalle statistiche: il francese è tredicesimo in Serie A per km percorsi (11,102 a partita), ha il maggior numero di passaggi effettuati e riusciti fra i giocatori della Roma (591 con l’88.83% arrivati a destinazione) e passaggi chiave (sei, trentaseiesimo in Serie A e terzo in rosa dopo Kolarov e Dzeko). Al di là dei dati, basta studiare la Roma in campo per capire l'importanza del numero 21: giocatore box-to-box e quasi ubiquo che spazia dalla linea difensiva, dove spesso e volentieri funge da difensore aggiunto, alla linea d'attacco. Non solo, ma l'incredibile intelligenza tattica è testimoniata dalla velocità di adattamento nello scacchiere tattico di Fonseca e il suo essere sin da subito efficiente e indispensabile.

DOVE PUÒ ARRIVARE VERETOUT - Il francese nel mondiale Under 20 del 2013, nel quale a parte la seconda partita contro gli Stati Uniti è sempre stato schierato titolare ed è anche andato a segno nella partita contro la Turchia nel girone e nella finale nelle serie dei rigori, faceva parte di una rosa che ha sfornato poi campioni del Mondo del calibro di Pogba, Umtiti e Thauvin. Il giocatore giallorosso in carriera ha avuto passaggi difficili, ma il treno è passato e lo ha portato a Roma, dove può sfruttare la vetrina importante per provare magari a riaffacciarsi proprio a quella Nazionale maggiore mai toccata. Certo, la concorrenza non è delle più semplici da affrontare, ma Veretout sta dimostrando di poter far parte di una squadra importante e competitiva come la Roma, in uno scacchiere tattico che sembra esser disegnato su misura per lui da Paulo Fonseca.

Prossima partita: Inter-Roma, venerdì 6 dicembre ore 20:45
Probabile formazione (4-2-3-1): Pau Lopez; Spinazzola, Smalling, Mancini, Kolarov; Diawara, Veretout; Zaniolo, Pellegrini, Mkhitaryan; Dzeko.
Ballottaggi: Spinazzola/Florenzi, Spinazzola/Santon, Mkhitaryan/Perotti, Dzeko/Kalinic.
In dubbio: Dzeko (sindrome influenzale).
Indisponibili: Zappacosta (rottura del legamento crociato anteriore del ginocchio destro), Cristante (distacco del tendine dell'adduttore destro), Pastore (edema all’anca), Kluivert (edema al flessore della coscia destra).
Squalificati: -
Diffidati: Mancini, Pellegrini.