Senza Gervinho e Salah saltano i piani di Garcia per il Camp Nou: ecco le possibili soluzioni

20.11.2015 09:00 di Gabriele Chiocchio Twitter:    vedi letture
Fonte: Redazione Vocegiallorossa - Gabriele Chiocchio
Senza Gervinho e Salah saltano i piani di Garcia per il Camp Nou: ecco le possibili soluzioni
Vocegiallorossa.it
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport

Peggior sventura, forse, non poteva capitare: a pochi giorni dall’affascinante sfida del Camp Nou contro il Barcellona, Rudi Garcia si ritrova contemporaneamente senza i suoi due velocisti, i due uomini sul quale poggia il gioco di transizioni con cui la Roma aveva trovato continuità nelle ultime settimane, vale a dire Gervinho e Mohamed Salah, elementi perfetti per giocare in contropiede contro i mostri sacri blaugrana. Un vero grattacapo per il tecnico, che dovrà a questo punto studiare delle soluzioni alternative per provare a fronteggiare i blaugrana.

TRIDENTE - In assenza dei due africani, il giocatore più adatto, per caratteristiche, a sostituirli, è Juan Manuel Iturbe. L’argentino ha avuto pochissime chance dall’inizio (contro Sassuolo e BATE Borisov) e le ha sprecate, e questa è un’occasione più unica che rara per provare di essere ancora un giocatore utile alla causa. Con lui in campo, la prima soluzione possibile è quella del semplice mantenimento del 4-3-3, con il numero 7 su un lato e uno tra Iago Falque e Florenzi sull’altro. Il numero 24 non assicurerebbe certamente gli strappi di Gervinho e Salah, ma completerebbe un tridente equilibrato e al contempo veloce, mentre lo spagnolo fornirebbe una maggiore tecnica in palleggio al reparto accompagnato a un lavoro tattico di prim’ordine.

CENTROCAMPO A QUATTRO - Una seconda alternativa è l’utilizzo contemporaneo dei due in un centrocampo a quattro, per un 4-4-2 che darebbe il vantaggio di poter giocare in superiorità numerica contro i tre centrocampisti del Barcellona, ma che giocoforza porterebbe all’esclusione di almeno uno dei centrocampisti centrali, quasi sicuramente due giacché è plausibile, visto il buon momento di Rüdiger, che Garcia opti per due difensori veri e non per la soluzione-De Rossi, che si giocherebbe due posti insieme a Nainggolan, Pjanic e Keita. Davanti, Iturbe agirebbe da seconda punta intorno a Dzeko, pronto a sacrificarsi per i compagni come spesso ha fatto in questo inizio di stagione.

ROMBO - Ma Garcia potrebbe anche scegliere di stringere le fila e di mettere in campo tutti i suoi centrocampisti, con Pjanic alle spalle di due punte. La Lazio non è il Barcellona, ma nel derby dello scorso 25 maggio proprio il passaggio al 4-3-1-2, con il bosniaco trequartista, fu la chiave per vincere la partita contro una squadra decisamente offensiva come i biancocelesti. Un’ulteriore variazione sul tema potrebbe darla Alessandro Florenzi, che conferirebbe fluidità al modulo qualora fosse schierato nel ruolo di intermedio destro.