Parma-Roma - I duelli del match

29.12.2018 12:30 di Gabriele Chiocchio Twitter:    vedi letture
Fonte: Redazione Vocegiallorossa - Gabriele Chiocchio
Parma-Roma - I duelli del match
Vocegiallorossa.it
© foto di Federico Gaetano

Nell'ultima giornata del girone di andata, la Roma affronta in trasferta il Parma per cercare di bissare il successo ottenuto contro il Sassuolo.

Come di consueto, Vocegiallorossa.it vi propone i duelli che potrebbero decidere la partita.

FLORENZI-GERVINHO - Anni fa facevano parte dello stesso tridente, uno come uomo di equilibrio, l’altro come spina nel fianco delle difese avversarie, adesso si troveranno di fronte sullo stesso binario. Nel frattempo le loro carriere sono cambiate ma il ricordo è sufficientemente fresco per far sì che Florenzi e Gervinho conoscano uno le debolezze e i punti di forza dell’altro, anche se, a dire il vero, il 24 dovrà capire bene quando sarà un suo compagno di difesa a dover marcare l’ivoriano, che è difficilmente incasellabile su un solo settore del campo.

JESUS-CERAVOLO - Torna in campo dopo due turni di riposo Juan Jesus, che verrà schierato da Di Francesco anche per la sua velocità, in grado di contenere meglio Gervinho, quando l’ivoriano si accentrerà. In generale, il brasiliano dovrà essere preparato nelle marcature preventive in occasione delle tante possibili ripartenze del Parma, che Fabio Ceravolo avrà il compito di finalizzare: l’attaccante biancocrociato ha totalizzato 13 presenze e un solo gol (a Genova) in questo campionato e ha già segnato contro la Roma con la maglia dell’Atalanta nel 2009.

DŽEKO-BRUNO ALVES - Possibile rientro dal primo minuto anche per Edin Džeko, che non segna in campionato dal 6 ottobre, data dell’ultimo successo in trasferta della Roma, che lontano dall’Olimpico ha vinto complessivamente due sole volte, e anche l’altra (l’1-0 al Torino della prima giornata) porta la firma del numero 9. Da una possibile buona prestazione del bosniaco - che non ha mai affrontato il Parma in carriera - passano dunque le chance di portare via l’intera posta dal Tardini: a opporsi a lui ci sarà il trentasettenne Bruno Alves, giocatore più anziano tra quelli in campo e quindi con l’esperienza giusta per dare filo da torcere al romanista.