Non funziona il tridente di scorta, tardivo l'ingresso di Bojan

dall'inviato allo Stadio Friuli di Udine, Gianluca Ricci
25.11.2011 22:49 di Gianluca Ricci   vedi letture
Non funziona il tridente di scorta, tardivo l'ingresso di Bojan
Vocegiallorossa.it
© foto di Alberto Fornasari

Senza Borini, Totti e Borriello, rimasti a casa per infortunio, Luis Enrique a Udine non se l'è sentita di affidarsi ancora una volta al tridente con Lamela alle spalle di Osvaldo e Bojan. Anche per evitare di lasciare il solo baby Caprari come unica alternativa in panchina alle sue punte di diamante, l'asturiano ha deciso di escludere il folletto catalano. Che tra l'altro, spaziando tra gol sbagliati e patenti ritirate, sta attraversando un momento non del tutto felice sia dentro che fuori dal rettangolo verde. Allora dentro dal primo minuto Lamela e Osvaldo, con Pjanic nei panni - a lui ancora non del tutto congeniali di trequartista. O addirittura col nazionale bosniaco spesso sulla linea dei due argentini. Tiri in porta pochi assai e neanche troppo insidiosi, sprazzi pochi ma solo tanta confusione. Nel marasma più completo (si scusi la citazione di fantozziana memoria) almeno Pablo Daniel Osvaldo ha provato a sacrificarsi e a mettercela tutta, ma senza fortuna. Neanche con l'ingresso (tardivo) di Bojan, che ha permesso a Pjanic di tornare a fare l'intermedio e a Lamela di riproporsi tra le linee, è cambiato granché. Basti pensare che trascorsi cinque giri di lancetta dal cambio è arrivato il gol bianconero. Al momento, viste le defezioni del Capitano, Borriello e Borini, la Roma non può prescindere dal suo tridente catalano-argentino.