Le 9 vittorie della Roma in Coppa Italia

11.01.2019 19:00 di Jacopo Simonelli Twitter:   articolo letto 8415 volte
Fonte: Redazione Vocegiallorossa - Jacopo Simonelli
© foto di Federico De Luca
Le 9 vittorie della Roma in Coppa Italia

Caccia alla Decima. Una volta la Coppa Italia faceva rima con Roma, poi qualcosa si è rotto. I giallorossi non vincono il trofeo dal 2008, un'eternità. Eppure, dopo la Juventus, è la squadra che può vantare più vittorie in questa competizione, ben 9. Niente male. Dal 1964 al 2008, 44 anni quasi sempre giallorossi. L'Entella è l'occasione giusta per approdare ai quarti e sognare la doppia cifra. Quella contro i liguri è anche un'opportunità di riscatto: finora infatti la Coppa Italia non ha portato bene a Pallotta, tra 26 maggio e clamorose sconfitte più simili a suicidi che a eliminazioni. Bene, andiamo allora a rivivere le 9 vittorie giallorosse in Coppa Italia.

1964 - La prima volta non si scorda mai. La Roma, allora guidata dallo spagnolo Miró, vinse il trofeo al termine di due partite infinite contro il Torino. 0-0 la finale secca a Roma (supplementari compresi), 0-1 firmato Nicolè la ripetizione in Piemonte. Un percorso voluto e sofferto, iniziato con la vittoria a Potenza nel Primo Turno e seguito dal 5-0 al Napoli, lo 0-2 di Foggia, l'1-0 all'Atalanta e la vittoria ai rigori in semifinale contro la Fiorentina. Il presidente è Marini-Dettina.

1969 - Passano cinque anni ed è di nuovo Roma. Non c'è la finale, si decide tutto con i gironi. I giallorossi, guidati da Herrera, vincono prima il girone eliminatorio, eliminano ai quarti il Brescia e poi alzano il trofeo vincendo il girone finale con Cagliari, Foggia e Torino. Il presidente è Marchini.

1980 - Arriva il tris giallorosso, questo con la finale. C'è Liedholm in panchina. La Roma del Barone supera il primo girone, ai quarti disintegra il Milan e in semifinale elimina la Ternana. La finale è ancora con il Torino ed è nuovamente amara per i granata. Vincono i giallorossi ai rigori, decisivi quelli realizzati da Conti, Santarini e Ancelotti. Il presidente è ovviamente Viola.

1981 - L'anno dopo esulta ancora la Roma. Stessi protagonisti in panchina e presidenza della stagione passata, nuovo trionfo. I giallorossi partono dai quarti in quanto campioni in carica. Qui eliminano la Fiorentina nel doppio confronto, prenotando la semifinale contro la Juventus. Anche i bianconeri alzano bandiera bianca, è di nuovo finale. Sempre - clamorosamente - contro il Torino. Ancora una volta i granata pagano dazio ai rigori. 1-1 sia all'andata che al ritorno, dal dischetto non c'è storia.

1984 - Anno in cui la Roma sfiora il Triplete. Arriva seconda in campionato e in finale di Champions League contro il Liverpool. Vince la Coppa Italia, è il suo 5° trionfo. Gli artefici sono sempre Liedholm e Viola. I giallorossi superano i gironi senza problemi e iniziano una travolgente cavalcata fino al trionfo. Agli ottavi giustiziano il Verona, ai quarti il Milan. In semifinale? Sempre il Torino, stavolta eliminato a un passo dall'ultimo atto. La finale stavolta è contro il Verona. 120' combattuti, 1-1 in Veneto e 1-0 decisivo a Roma firmato dall'autogol di Ferroni.

1986 - Da uno svedese all'altro, è il trofeo firmato Eriksson. La Roma di Viola supera i gironi e non sbaglia più un colpo. Mette in fila Atalanta, Inter e Fiorentina in sei sfide da brividi. Si guadagna l'inedita finale contro la Sampdoria, con un finale epico. I giallorossi riescono infatti a ribaltare il 2-1 subito in Liguria con una super prova casalinga, decisa da Desideri e Cerezo. Arriva il titolo numero sei.

1991 - Questo è l'ultimo trofeo firmato dai Viola (Dino era deceduto, ne prese il posto per pochi mesi la moglie Flora). In panchina c'è Bianchi, la Roma entra in gioco dal Secondo Turno. Qui elimina il Foggia e si regala il Genoa. Regola anche i liguri e prenota la Juventus: eliminata anche la Vecchia Signora. In semifinale è invece il Milan a pagare la tassa giallorossa. Nuova finale, sempre con la Sampdoria. Il finale non cambia. La Coppa prende la via della Capitale: 3-1 in casa e comodo 1-1 esterno.

2007 - Finisce la 'maledizione' Coppa Italia, la Roma torna a vincerla dopo 16 anni. Spalletti in panchina, Franco Sensi alla presidenza (sostituito nella gestione dalla figlia Rosella). Agli ottavi la Roma elimina la Triestina, per poi continuare il percorso con Parma e Milan. In finale c'è lo spettacolo contro l'Inter. Pazzesco 6-2 all'Olimpico, non c'è partita. La grande sinfonia è firmata Totti, De Rossi, Perrotta, Mancini e dalla doppietta di Panucci. Al ritorno sarà il gol di Perrotta a far esplodere i tifosi giallorossi a San Siro nel dolce ko del 2-1.

2008 - La nona e ultima vittoria giallorossa arriva il 24 maggio 2008. Un successo per Franco Sensi, che morirà tre mesi dopo. La squadra di Spalletti elimina agli ottavi il Torino nonostante la sconfitta dell'andata e non si ferma più. Ai quarti manda a casa la Sampdoria e in semifinale scherza con il Catania. Per il quarto anno di fila, ecco la finale contro i campioni d'Italia dell'Inter. Finisce come l'edizione precedente, con un trionfo giallorosso. La novità è la finale secca all'Olimpico, la Roma la fa sua con Mexes e Perrotta. Il gol del nerazzurro Pelé serve solo a rendere più vibrante il finale. Arriva la Nona.