La settimana del Torino

09.11.2014 15:00 di Alfonso Cerani   vedi letture
La settimana del Torino
Vocegiallorossa.it
© foto di Federico Gaetano

I granata si avvicinano alla sfida di questa sera contro la Roma con molte perplessità e poche certezze. Dopo un inizio stentato in campionato, la squadra di Ventura si è rimessa lentamente in carreggiata e viene da un pareggio a reti bianche contro l'Atalanta. Opposto il cammino in Europa, dove le due vittorie in casa hanno messo il Torino in una posizione di tranquillità. L'ultimo turno di Europa League ha però rimescolato le carte nel gruppo B, e ora i granata si ritrovano a dover rincorrere una qualificazione che pareva certa. La sconfitta di misura rimediata nel gelo di Helsinki ha mandato su tutte le furie Giampiero Ventura, che a caldo è arrivato anche a minacciare le dimissioni. Inoltre, il tecnico si è dovuto scusare con i tifosi che si sono sobbarcati una trasferta di più di 2500 Km. Nel post-partita ha tuonato: “Oggi non ha funzionato niente. L’approccio alla partita è stato sbagliato". Come se non bastasse il risultato negativo, ci si è messo anche il maltempo a rovinare i piani di Ventura. Il ritorno in patria, infatti, è stato piuttosto turbolento: la squadra sarebbe dovuta giungere a Roma direttamente da Helsinki e invece l'aereo è stato dirottato a Torino, rimandando la partenza di giocatori e staff a sabato pomeriggio. Nella Capitale è atteso anche il Presidente Urbano Cairo, che vuole stare vicino alla squadra nel momento difficile. In particolare, il Torino sembra avere evidenti problemi in fase realizzativa, palesati anche nella trasferta finnica, fatta eccezione per Fabio Quagliarella. L'attaccante di riferimento granata ha suonato la carica in vista della sfida di questa sera: “Domenica contro la Roma c’è l’occasione per riscattarsi. Dobbiamo tornare a giocare da Toro".

Negli ultimi giorni, fondamentale è stato il recupero di Glik, perno della difesa insieme a Moretti, mentre non c'è stato nulla da fare per Benassi, così come per gli infortunati di lungo corso Basha e l'ex Bovo. Fa discutere invece la quarta esclusione consecutiva di un vecchio pupillo del tecnico Ventura, Paulo Vitor Barreto, che ormai non rientra più nei piani del Mister. La sfida avrà un sapore particolare per Darmian, obiettivo dichiarato della Roma e confermato dagli ultimi rumors di mercato. Sulla sponda granata, di contro, è sempre caldo il nome di Muriel, che potrebbe risollevare l'attacco asfittico del Toro. Solo una suggestione invece il nome di Mauro Zarate. Nel frattempo, il Torino si appresta a perdere per la prossima settimana ben otto nazionali, convocati dalle rispettive selezioni, in attesa dei nomi diramati da Conte. Tra gli altri: Gillet (Belgio), Maksimovic (Serbia) e Martinez (Venezuela). Ieri la squadra ha effettuato la rifinitura mattutina alla Sisport. Poi il pranzo e la partenza per il ritiro prepartita di Roma, dove questa sera proverà, contro ogni pronostico, a sgambettare la seconda forza del campionato.