La gara vista dalla curva - Fischi sulla Roma che non va oltre il pareggio contro il Sassuolo. VIDEO!

08.12.2014 06:00 di Yuri Dell'Aquila Twitter:    vedi letture
La gara vista dalla curva - Fischi sulla Roma che non va oltre il pareggio contro il Sassuolo. VIDEO!
Vocegiallorossa.it
© foto di Federico Gaetano

La Roma di Garcia fallisce l'opportunità di portarsi a -1 dalla Juventus, pareggiando, in rimonta, per 2-2 contro il Sassuolo dell'ex Eusebio Di Francesco e incassando, fino al 76', i primi fischi stagionali per una prestazione decisamente opaca e sottotono in un match che avrebbe potuto e dovuto dare indicazioni confortanti in vista del decisivo impegno del prossimo mercoledì in Champions League contro il Manchester City.

Sono poco meno di 40000 gli spettatori presenti allo Stadio Olimpico, con i settori che tardano a riempirsi, complici l'orario e la pioggia, che lentamente inizia a scendere sul terreno di gioco. Durante il riscaldamento grandi applausi per il rientro tra i titolari di Kevin Strootman e per il rinnovo del contratto di Morgan De Sanctis, sebbene dureranno poco. Ovazione subito dopo la lettura delle formazioni per Leandro Castan, sottoposto nei giorni scorsi a un delicato intervento neurologico, a cui va tutto il calore del pubblico romanista.

L'inizio della gara è da shock: la squadra di Di Francesco è ben messa in campo e da subito pressa molto alta i giallorossi, i quali faticano a impostare azioni da gioco fino al 16', quando De Sanctis compie un banale errore nel rinvio di un pallone, centrando in pieno Zaza che sigla così il vantaggio ospite. Piovono copiosi, ma anche ingenerosi, i fischi dell'Olimpico sul portiere giallorosso, che capitola nuovamente dopo solo due minuti, dopo che da un suo rilancio la difesa sbaglia i tempi del fuorigioco e permette a Missiroli di mandare in porta ancora Zaza che ringrazia e firma la sua doppietta personale. Sono passati 18' e la Roma è sotto 0-2. Dalla Sud si moltiplicano i malumori, soprattutto considerando l'occasione di portarsi a 1 punto di distanza dalla Juventus in caso di vittoria, ma si fa ancora più alto il volume del tifo, tentando di guidare i propri beniamini a una clamorosa rimonta. La spinta purtroppo dura poco, in campo la squadra di Garcia non sembra trovare il bandolo della matassa contro un Sassuolo completamente chiuso in difesa e senza particolari occasioni da rete si va all'intervallo sul doppio svantaggio. Qualche fischio accompagna il rientro negli spogliatoi dei giocatori.

Nella ripresa si attende il riscatto della squadra capitolina, che inizia il secondo tempo con la spinta incessante dei propri tifosi, ma dopo appena 5 minuti, Daniele De Rossi compie un'ingenuità clamorosa perdendo palla a centrocampo ed è costretto ad atterrare Berardi lanciato a rete rimediando così il doppio giallo che lo porta all'espulsione. Anche in questo caso l'uscita dal campo del centrocampista di Ostia è accompagnata dai cori di disapprovazione del pubblico, che bagnano allo stesso modo le sostituzioni di Strootman e Iturbe, entrambi piuttosto evanescenti. In inferiorità numerica la Roma prova a riversarsi in attacco ma le occasioni latitano, facendo calare progressivamente energie tanto in campo quanto sugli spalti. Al 76' un lampo: Vrsaljko intercetta con un braccio un cross di Gervinho concendendo a Ljajic la chance dal dischetto per riaprire i conti, il serbo non sbaglia e accorcia le distanze. Esplode l'Olimpico, che si tramuta in un'autentica bolgia per l'assalto finale giallorosso, culminato al minuto 93, ancora con Adem Ljajic, servito da Florenzi, che incendia definitivamente il settore più caldo del tifo romanista.

Finisce così sul 2-2, lasciando il rammarico per non aver conquistato i tre punti ma anche la piccola soddisfazione per averne conquistato uno nonostante il doppio svantaggio e l'intera seconda frazione in inferiorità numerica