L'avversario - Il Napoli di Benitez

08.03.2014 17:00 di Andrea Fondato   vedi letture
L'avversario - Il Napoli di Benitez
Vocegiallorossa.it
© foto di Federico Gaetano

La Roma di Rudi Garcia torna al San Paolo di Napoli, dopo la pesante sconfitta subita nella semifinale di ritorno di Coppa Italia, per una sfida importantissima in chiave secondo posto in classifica.

NUMERI - Il Napoli, attualmente terzo in classifica con 52 punti conquistati in 26 partite, ha sicuramente una marcia in più quando gioca in casa. Oltre ad aver mietuto vittime eccellenti come Borussia Dortmund e Arsenal, in Champions League, gli azzurri hanno ottenuto 28 punti sui 52 totali al San Paolo. Nelle ultime tre giornate i partenopei hanno battuto il Sassuolo in trasferta grazie alle reti di Dzemaili e Insigne. Poi sono maturati due pareggi consecutivi con Genoa, in casa, e in trasferta a Livorno. Il miglior realizzatore del Napoli è Gonzalo Higuain. L’argentino, arrivato quest’estate per sostituire Edinson Cavani, ha realizzato 13 reti in campionato. Il reparto più efficiente è l’attacco che, con 51 gol realizzati, è secondo solamente a quello della Juventus, miglior attacco del campionato con 62 reti.

PRECEDENTI - Nei 64 precedenti in campionato tra Roma e Napoli al San Paolo, i padroni di casa hanno ottenuto 28 vittorie contro le 16 dei giallorossi. Sono invece 20 gli incontri finiti in pareggio. L’ultima vittoria della Roma risale alla stagione 2011/2012, nella sedicesma giornata del girone di andata. La squadra allora allenata da Luis Enrique vinse 1-3 (autorete di De Sanctis, Osvaldo, Hamsik per il Napoli e Simplicio). Negli ultimi cinque incontri, Napoli-Roma ha visto i partenopei uscire vincitori 3 volte contro le 2 dei giallorossi. L’ultimo pareggio risale alla stagione 2009/2010 quando al doppio vantaggio romanista, siglato da Julio Baptista e Mirko Vucinic, risposero German Denis e Marek Hamsik.

PROBABILE FORMAZIONE - Il Napoli arriva alla partita con la Roma senza squalificati. Higuain, diffidato, è stato ammonito contro il Genoa e ha scontato la squalifica domenica scorsa contro il Livorno. Benitez può contare su tutta la rosa ad eccezione del portiere Rafael, infortunatosi nella gara contro lo Swansea, e Zuniga, fermo da ottobre. Il tecnico spagnolo dovrebbe schierare la stessa formazione della semifinale di ritorno di Coppa Italia contro la Roma. Confermato quindi il 4-2-3-1 con Reina in porta, Albiol e Fernandez al centro della difesa e Maggio e Ghoulam sulle fasce. Inler e Jorginho agiranno davanti alla difesa, Mertens e Callejon esterni d’attacco con Hamsik dietro l’unica punta Higuain.

ALLENATORE - Rafael Benitez comincia la carriera d’allenatore nelle giovanili del Real Madrid per poi passare al Real Valladolid, Osasuna, Extremadura e Tenerife. L’anno della consacrazione è il 2001/2002 quando, alla guida del Valencia, vince la Liga, impresa che ripeterà nella stagione 2003/2004 dove, oltre al campionato spagnolo, si aggiudicò anche l’Europa League. Terminata l’esperienza sulla panchina del Valencia, il tecnico spagnolo approda in Premier League alla guida del Liverpool dove conquisterà una Coppa d’Inghilterra, un Community Shield, una Champions League e una Supercoppa Europea. Nel giugno 2010 Benitez prese il posto di Josè Mourinho all’Inter dove, nonostante la conquista di una Supercoppa Italiana e un Mondiale per Club, si accordò con la società per una risoluzione consensuale del contratto. Nel 2012 prenderà il posto di Roberto Di Matteo sulla panchina del Chelsea con il quale conquisterà per la seconda volta in carriera l’Europa League. Al termine della stagione viene ingaggiato dal Napoli per sostituire Walter Mazzarri.