Il ritorno di El Shaarawy, sulla scia dell'incredibile impatto del 2016

09.02.2021 22:15 di Danilo Budite Twitter:    Vedi letture
Fonte: Redazione Vocegiallorossa - Danilo Budite
Il ritorno di El Shaarawy, sulla scia dell'incredibile impatto del 2016
Vocegiallorossa.it
© foto di Federico Gaetano

Tornato a Roma nella finestra di mercato invernale, contro l'Udinese dovrebbe finalmente arrivare il momento del rientro, almeno tra i convocati, di Stephan El Shaarawy. Un ritorno agognato, un innesto importante per una Roma che ha bisogno di alternative sulla trequarti e dei gol del Faraone. L'auspicio è infatti che El Shaarawy possa fare bene da subito, una speranza che si basa anche sull'esperienza, sulla prima avventura dell'attaccante italiano a Roma.
Al suo arrivo nel gennaio 2016 c'era infatti qualche perplessità, legata all'esperienza sottotono al Monaco. El Shaarawy ha però subito fugato ogni dubbio, rendendosi protagonista di un inizio spettacolare in maglia giallorossa. Ora, cinque anni dopo, il Faraone è pronto a ripartire e la speranza è che possa replicare quell'impatto incredibile che ebbe nel 2016.

ESORDIO COL BOTTO - La prima uscita di Stephan El Shaarawy in maglia giallorossa è indimenticabile. Schierato titolare col Frosinone, il Faraone segna a inizio secondo tempo il gol del 2-1, con un pregiato tacco su assist di Zukanovic. Una rete importante, che regala il vantaggio a una Roma che poi vincerà 3-1 quel match: è il primo successo di Spalletti nella sua seconda esperienza giallorossa, tre punti che spalancano la strada a un grande girone di ritorno per i giallorossi.
El Shaarawy replica poi la giornata successiva, segnando nel finale la rete del definitivo 0-2 a Reggio Emilia col Sassuolo. Nella sua terza gara con la Roma, poi, fornisce un assist a Perotti nel 2-1 contro la Sampdoria.

LA DOPPIETTA - A secco col Carpi e fuori col Palermo, El Shaarawy torna protagonista assoluto con l'Empoli. Prima il Faraone sblocca il match con una grande conclusione a giro dai trenta metri, poi sigla il definitivo 1-3 ribadendo a porta vuota sulla respinta corta di Skorupski. Arriva la prima doppietta in maglia giallorossa e una settimana dopo il Faraone è ancora decisivo, con un gol e un assist nel trionfante 4-1 con la Fiorentina. Cinque gol e due assist sono lo strepitoso bottino di El Shaarawy dopo appena sei partite.

IL DERBY - Dopo la Fiorentina, El Shaarawy si prende una piccola pausa, gioca sempre e lo fa bene, ma non trova la via della rete. Si tiene in caldo per l'occasione giusta, che arriva col derby della Capitale. Dopo due match senza timbrare il cartellino, il Faraone sblocca il derby al 16' con un colpo di testa su suggerimento di Digne, dando il là al trionfo della Roma che vince il derby con un rotondo 4-1. Il gol alla Lazio è la definitiva consacrazione di El Shaarawy nel cuore dei tifosi giallorossi.

IL FINALE - Dopo la Lazio, El Shaarawy passa quattro giornate senza segnare, ma si tiene i botti per il gran finale. Alla terz'ultima di campionato segna il gol del definitivo 2-3 a Genova col Genoa, mentre nell'ultima di campionato punisce il Milan a San Siro. Due gol simbolici, realizzati nei due stadi delle squadre che lo hanno rispettivamente prima lanciato, e poi consacrato. Come fosse un rito di passaggio, che ha segnato la definitiva affermazione di Stephan El Shaarawy nel nostro campionato.
Il Faraone ha chiuso la sua prima mezza stagione alla Roma con numeri impressionanti: 8 gol e due assist in 16 partite di campionato. Un impatto strepitoso, che tutti sperano di rivedere anche in questa seconda avventura di El Shaarawy nella Capitale.

Prossima partita: Roma-Udinese, domenica 14 febbraio ore 12:30
Probabile formazione (3-4-2-1): Pau López; Mancini, Ibañez, Kumbulla; Karsdorp, Villar, Veretout, Spinazzola; Pellegrini, Mkhitaryan; Džeko.
Ballottaggi: Džeko-Borja Mayoral.
In dubbio: Smalling.
Diffidati: Bruno Peres, Cristante, Ibañez, Villar, Kumbulla.
Squalificati: -
Indisponibili: Zaniolo (rottura legamento crociato ginocchio sinistro).