Il 2020 della Roma Da Zero a Dieci

01.01.2021 18:15 di Gabriele Chiocchio Twitter:    Vedi letture
Fonte: Redazione Vocegiallorossa - Gabriele Chiocchio
Il 2020 della Roma Da Zero a Dieci
Vocegiallorossa.it
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

0 - Si chiude l’ennesimo anno zero della Roma, definizione stavolta giustificata dal cambio societario, di cui si spera di cominciare a vedere i frutti nel 2021 che sta per iniziare. 

1 - Il 2020 non ha dato certezze alla Roma sul suo numero 1: Pau Lopez ha avuto troppi passaggi a vuoto, mentre Mirante ha sofferto diversi problemi fisici e non è stato comunque perfetto neanche lui. Il 2021 ricomincerà da loro, non è però detto che finirà con loro.

2 - Nicolò Zaniolo ha avuto l’incredibile sfortuna di rompersi due volte i legamenti crociati delle ginocchia nello stesso anno solare, pagando a caro prezzo la relativa fortuna dello stop del calcio per il covid che gli aveva permesso di giocare la parte finale della scorsa stagione e di mantenere vivo il sogno dell’europeo.

3 - Un numero che forse neanche Fonseca avrebbe pensato di dover utilizzare è diventato quello forse più importante del 2020 giallorosso: dal passaggio alla difesa a 3, la Roma ha raccolto 50 punti in 23 partite di campionato, per una media di 2,17. 

4 - Quattro (circa) mesi irreali quelli in cui si è rimasti fermi a causa della pandemia. Un periodo che nessuno avrebbe mai pensato di vivere, e qui parliamo solo di calcio.

5 - Dalla quasi cessione di gennaio all’essere fondamentale a dicembre: un 2020 in miglioramento quasi verticale quello di Leonardo Spinazzola, che da quinto ha fatto il salto di qualità.

6 - Nel 2020, lo Stadio Olimpico si è riempito per appena 6 volte, prima della chiusura causa pandemia. Giocare partite nel deserto è ormai la normalità, in attesa che i tifosi possano tornare a riempire le tribune. 

7 - Sette, contando anche Farelli, i volti nuovi che hanno vestito la maglia giallorossa nell’anno appena concluso. Da giovani da svezzare come Villar a campioni come Pedro, tutti stanno più o meno facendo il loro.

8 - Resta una macchia indelebile del 2020 aver tentato di arrivare nelle prime 8 dell’Europa League con quella pessima prestazione di Duisburg contro il Siviglia. A febbraio si ripartirà da Braga per un nuovo assalto alla competizione europea.

9 - Edin Džeko è entrato ancora di più nella storia della Roma staccando Amadei al terzo posto della classifica marcatori all-time della società e arrivando a 113. Roberto Pruzzo dista 25 gol: un aggancio nel 2021 è tanto improbabile quanto sarebbe fantastico.

10 - Nel 2020 si sono rincorse voci di un possibile ritorno in società, grazie alla nuova proprietà, di Francesco Totti. Voci che tali erano e tali sono rimaste.