Cagliari-Roma - I duelli del match

08.12.2018 14:05 di Jacopo Simonelli Twitter:   articolo letto 2522 volte
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
Cagliari-Roma - I duelli del match

La Roma vola in Sardegna, dove ad attenderla c'è il Cagliari di Rolando Maran.

Come di consueto, Vocegiallorossa.it vi propone i duelli che potrebbero decidere il match.

FAZIO-PAVOLETTI - Sfida tra giganti. In una difesa priva di Manolas, toccherà al Comandante (quello dello scorso anno però, non l'attuale) vincere i duelli aerei contro lo specialista Pavoletti. Ogni cross in area potrà essere una potenziale occasione da gol per il centravanti rossoblu, fondamentale quindi una marcatura praticamente a uomo di Fazio. Anche perché accanto avrà Marcano, finora mai del tutto convincente. Pioveranno cross. Occhio quindi, sarà un duello ad alta quota tra specialisti. Neutralizzare l'ariete di Maran vorrebbe dire costruire metà vittoria.

NZONZI-JOAO PEDRO - Intasare le linee. La missione del francese è questa. Il 10 del Cagliari è maestro nel trovare spazi alle spalle e a puntare l'area avversaria. Fondamentale quindi impedirglielo. Il radar dell'ex Siviglia dovrà essere sincronizzato sul brasiliano, dovrà tagliargli i rifornimenti. Con l'assenza del dinamico Barella, la manovra sarda passerà più del solito sui piedi di João Pedro. Alla fine è tutto collegato: meno palloni per lui, meno imbucate centrali. A quel punto bisognerebbe preoccuparsi solo dei cross per Pavoletti. Anche in questo caso, il duello si ripeterebbe. Perché João Pedro ha dimostrato di poter far male anche di testa. A Nzonzi il compito di fargli passare un anonimo pomeriggio.

KLUIVERT-SRNA - Diciassette anni di differenza, è Croazia contro Olanda. Quando Srna debuttava, Kluivert nasceva. Ci sono due chiavi di lettura: messa sul piano dell'esperienza, l'ex Ajax difficilmente potrebbe lasciare il segno. Se venisse invece scelta la strada della freschezza, ecco che il terzino potrebbe vivere un pomeriggio da incubo. L'obiettivo di Justin è quindi uno solo: sprintare e dribblare, i suoi cavalli di battaglia. L'ideale? Sbloccare subito la partita e far uscire il Cagliari. A quel punto si aprirebbero spazi importanti per Kluivert, gli basterebbe solo accendere il motorino per decollare verso la porta di Cragno.