Borini, il Delvecchio di Luis Enrique

Dall'inviato allo Stadio Olimpico Gianluca Ricci
05.02.2012 16:58 di Gianluca Ricci   vedi letture
Borini, il Delvecchio di Luis Enrique
Vocegiallorossa.it
© foto di Alberto Fornasari

È griffato Fabio Borini il riscatto giallorosso in campionato contro l'Inter, dopo la figuraccia infrasettimanale del Sant'Elia. Con la sua doppietta all'Inter dell'ex Ranieri, il giovane attaccante di Bentivoglio (21 anni il prossimo 29 marzo) si è posto all'attenzione come una delle scelte più azzeccate della prima campagna acquisti della Roma a stelle e strisce. Bojan passa più tempo in panchina che sul campo, Lamela va a corrente alternata? Nessun problema, a risolvere le cose ci pensa l'attaccante cresciuto nel vivaio del Bologna e maturato nello Swansea, club gallese attualmente militante nella Premier League inglese. Nella sua prima annata con la maglia romanista, Borini ha già realizzato sei reti: cinque in serie A e una in Coppa Italia (ai danni della Fiorentina). Ad aprire la serie, il gol siglato dal numero 31 di Luis Enrique ai danni del Genoa. Marcatura bella per quanto inutile quella di Marassi, in occasione del temporaneo 1-1, perché non è servita ad evitare un clamoroso ko (2-1 per i grifoni). Da quel giorno in avanti, Fabio ci ha messo un po' a ripetersi, complice un grave infortunio muscolare che lo ha costretto ad oltre due mesi di stop. Rientrato nell'ultima di andata all'Olimpico col Cesena (5-1), l'attaccante dell'Under 21 azzurra ha messo a segno il punto del momentaneo 3-0 per poi concedere il bis mercoledì a Cagliari. In Sardegna il calciatore che la Roma ha appena riscattato dal Parma è stato tra i pochissimi a salvarsi (finale 4-2 a favore dei rossoblù) ed ha siglato l'illusorio 2-1 a favore degli uomini di Luis Enrique. Oggi la doppietta contro i nerazzurri, che gli ha permesso di eguagliare il suo primato personale di sei reti realizzato in Inghilterra. Attaccante ancora da sgrezzare tecnicamente, fa di corsa, forza fisica e carattere i suoi punti di forza. Il mister asturiano potrebbe ricavargli un ruolo tipo quello di Marco Delvecchio nella Roma di Fabio Capello. Le premesse ci sono tutte: Fabio Borini ha atteso un po' per diventare protagonista in giallorosso, ma ora non si vuole più fermare.