Mondonico: "De Rossi rimarrà a Roma. In carriera sono stato vicino ad allenare nella Capitale"

13.01.2012 18:18 di Yuri Dell'Aquila   vedi letture
Fonte: Radio Ies
Mondonico: "De Rossi rimarrà a Roma. In carriera sono stato vicino ad allenare nella Capitale"
Vocegiallorossa.it
© foto di Federico Gaetano

Emiliano Mondonico, allenatore di calcio e opinionista televisivo, è intervenuto ai microfoni di “A Tutto Campo” su RadioIES:

Riguardo Luis Enrique
"Mi ricorda molto l'avventura di Eriksson, quando venne in Italia (era il 1984, ndr), gli furono concessi sei mesi di tregua, prima che arrivassero i risultati. Doveva esserci Mondonico ad assisterlo, invece ci fu Roberto Clagluna a fargli da insegnante del calcio italiano. Avevo avuto contatti con il presidente Viola. Ma tra fare il secondo a Roma o fare il primo a Cremona, ho preferito la seconda opzione. Qualsiasi tecnico giovane italiano sarebbe stato mandato via, e invece è stato tenuto. Gli ultimi risultati dicono che chi l'ha tenuto ha avuto ragione. Diciamo anche che per quanto visto in Coppa Italia mi sembrava avesse capito o intuito che bisognava attaccare alla spagnola, e difendere all'italiana, invece mercoledì ho rivisto attacco e difesa alla spagnola, e questo è un problema. Concedi all'avversario più di quanto concede lui a te".

Su un suo passaggio alla Roma
"Non ho rimpianti per non aver fatto il secondo alla Roma. Anche la Lazio di Cragnotti mi cercò. Ebbi proprio un colloquio con il presidente, il problema era riguardo quante punte schieravo nella Lazio di Signori. Diciamo che sono stato vicino alla Capitale in generale. Magari non era destino, o non ero all'altezza, o non era il momento adatto".

Su De Rossi
"Penso che De Rossi, conoscendo anche il suo modo di vivere, voglia rimanere a Roma e probabilmente sta solo tirando la corda. Ma la corda che lo lega alla Roma è talmente forte che non si spezzerà. L'accordo si troverà, perché penso che De Rossi dentro abbia la voglia di rimanere a Roma".

Sul campionato
"Campionato abbastanza equilibrato, sono molte le squadre che possono giocarsi il titolo. E' stato di livello inferiore rispetto ad altre edizioni, ma sicuramente equilibrato, e questo favorisce il fatto che lo scudetto è ancora in bilico. Per le milanesi sarà importante il derby, sarà importante che la Lazio domenica vinca contro l'Atalanta dopo la figuraccia e che la Roma ci convinca delle sue qualità, perché nel primo tempo di Coppa Italia non è piaciuta granché.