Lazio, furia Lotito dopo l'arbitraggio di Di Bello: "Ci rivolgeremo alle autorità competenti, torti palesi e ripetuti"

02.03.2024 08:18 di Marco Rossi Mercanti Twitter:    vedi letture
Lazio, furia Lotito dopo l'arbitraggio di Di Bello: "Ci rivolgeremo alle autorità competenti, torti palesi e ripetuti"
Vocegiallorossa.it
© foto di www.imagephotoagency.it

È furioso Claudio Lotito, presidente della Lazio, dopo l'arbitraggio di Marco Di Bello nell'anticipo della 27ª giornata contro il Milan, match vinto nel finale 1-0 dai rossoneri con i biancocelesti che hanno chiuso addirittura in 8 per le espulsioni di Pellegrini, Marusic e Guendouzi. Queste le dichiarazioni del patron su Rai 2, dove annuncia una battaglia legale:

“Io non voglio iniziare da nessuna parte. Ho fatto una presa d’atto di quello che è successo e non è la prima volta che succede. A un certo punto i latini dicevano che perseverare è diabolico. Non lo so, ma c’è una ripetizione. La valutazione di persone terze diranno se è una morte annunciata. Io faccio valutazione sulla terzietà del sistema e sull’affidabilità del sistema. L’oggettività del risultato e dei comportamenti. Io faccio parte del sistema sportivo che rappresenta delle lacune. Poi io rappresento un’istituzione politica che deve garantire il rispetto delle regole. Io metto un moto un meccanismo per far fare una valutazione terza. Io faccio quello che penso sia giusto fare e che il sistema doveva fare fin dall’inizio. Io faccio quello che voglio fare per garantire il rispetto delle regole. Quando uno subisce un torto palese e la cosa si ripete vuol dire che il sistema non funziona, quindi bisogna rivolgersi alle autorità competenti”.