Juventus, Conte: "I complimenti di Garcia? Anche io ne ho sempre fatti alla Roma"

04.05.2014 10:05 di Marco Rossi Mercanti   vedi letture
Fonte: tuttomercatoweb.com
Juventus, Conte: "I complimenti di Garcia? Anche io ne ho sempre fatti alla Roma"
Vocegiallorossa.it
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Pochi giorni dopo l'eliminazione in Europa League Antonio Conte torna a parlare in conferenza stampa. Inevitabile, cominciare con quanto accaduto ieri sera nella finale di Coppa Italia a Roma. "Il problema è che periodicamente succede qualcosa, ci eliminiamo tutti e diventa cronaca ma nessuno fa niente. Pian piano sta sempre peggiorando e bisogna fare attenzione a non fare i moralisti solo quando accade il fatto ma costruire insieme qualcosa. Ne parliamo, parliamo ma si sta esasperando il tutto. I segnali che si mandano non sono dei migliori, da parte del sistema, di chi fa le regole, degli addetti ai lavori. Scudetto sempre speciale? L'importante è che arrivi. Con il Bari mi è arrivata la promozione guardando la tv, lo scudetto non è comunque ancora arrivato. Non ci si fa mai l'abitudine anche perché il terzo di fila non è mai arrivato. in precedenza anche grandissimi allenatori non ci sono riusciti e io sono molto realista quindi finché non avrò in mano lo scudetto non festeggerò. Finalmente i complimenti di Garcia? Dico quello che ho sempre detto. Ho sempre fatto grandi complimenti alla Roma per il campionato che ha fatto, un campionato che ci ha spinto a tirare fuori il meglio. Abbiamo ancora un'antagonista di altissimo livello che ci sta facendo tenere il piede sull'acceleratore. Ho sempre fatto i complimenti alla Roma e continuo a farli. Così come mi sento di fare i complimenti a Napoli e Fiorentina per la finale di ieri, episodi a parte fuori dal campo. Queste squadre il prossimo anno mi auguro che ci aiutino a tornare in alto nel ranking, dobbiamo riacquistare come Italia importanza a livello europeo. Rivisto partita con il Benfica? L'ho rivista e le sensazioni avute dal campo sono state esatte. Sono molto soddisfatto del percorso di crescita e di consolidamento fatto in Europa. Scivolare in Europa League ci ha aiutato a crescere, era la prima volta per tanti, tanti hanno respirato l'aria e la crescita avuta in campo europeo. Abbiamo comunque dimostrato di essere alla pari di grandi squadre e di avere le carte in regola per giocare anche le grandi competizioni. Mi sono lamentato sì, ho parlato sì, ma l'ho fatto dopo e non prima come hanno fatto i nostri avversari. Penso sempre che comunque avremmo meritato di più", riporta tuttomercatoweb.com.