Gilmar Rinaldi: "Roma, ti avevo detto di non prendere Adriano"

03.05.2012 13:25 di Yuri Dell'Aquila   vedi letture
Fonte: Dietro le quinte del mercato - Alessio Alaimo
Gilmar Rinaldi: "Roma, ti avevo detto di non prendere Adriano"
Vocegiallorossa.it
© foto di Alberto Fornasari

Gilmar Rinaldi, attuale procuratore, tra gli altri, di Simplicio è stato intervistato da Alessio Alaimo per il suo ebook dal titolo "Dietro le quinte del mercato", svelando alcuni retroscena relativi agli arrivi in Italia di Adriano e di Fabio Simplicio:

“Nessuno del Parma sapeva chi fosse, Sacchi un giorno mi ha chiesto un calciatore con determinate caratteristiche così gli ho fatto il nome di Fabio, che all’epoca aveva litigato con il San Paolo e faceva panchina. Arrigo si è fidato di me e ancora oggi siamo amici, grazie a Simplicio”. Parla così Gilmar Rinaldi, uno degli agenti Fifa brasiliani più importanti. Dopo Parma il Palermo. Poi l’Inter sfiorata e la Roma raggiunta. “Sei mesi prima di andare alla Roma sarebbe dovuto andare all’Inter, siamo stati nella
sede nerazzurra per dieci minuti però poi hanno deciso di prendere Muntari. Era fatta per il prestito di sei mesi. Ma hanno fatto altre scelte”. 

Passiamo ad Adriano. Come è arrivato all’Inter? 
“Il Flamengo voleva Vampeta, il cui cartellino era a metà tra Inter e PSG e così io avevo un giovane da dare ai francesi, Reinaldo, che si è trasferito lì. Lavoravo per il Flamengo, dove ho visto giocare all’età di sedici anni Adriano. Sono andato via dopo un po’ per diventare agente e suo padre mi ha chiamato perché voleva che io seguissi il figlio. L’ho portato all’Inter, poi è andato alla Fiorentina in prestito per maturare e in seguito al Parma in comproprietà. Successivamente si è imposto all’Inter”. 

All’Inter ha vissuto gioie e infine dolori. 
“Può essere ancora un grande giocatore, ma dipende da lui. Non sono più io il suo procuratore. Però posso dire che è un bravo ragazzo, ma ogni tanta manca negli atteggiamenti. Dopo la morte del padre si è un po’ smarrito”.

Ma è arrivata la chiamata della Roma. 
“Era nel Flamengo, alla Roma avevo detto di non prenderlo perché non stava bene, però hanno insistito. Non so perché abbiano voluto acquistarlo a tutti i costi, non si sono fidati di me che ero il suo procuratore. Al contrario di Sacchi con Simplicio quando ero a Parma. Io, da persona corretta, avevo avvisato tutti, in primis Rosella Sensi”.

Clicca QUI per scaricare l'intero ebook.