Col Cagliari difesa confermata, il Bandido ancora a destra

06.05.2010 17:30 di Gianluca Ricci   vedi letture
Fonte: Vocegiallorossa.it
Col Cagliari difesa confermata, il Bandido ancora a destra
Vocegiallorossa.it
© foto di Alberto Fornasari

Domenica pomeriggio, quando arriverà il Cagliari all’Olimpico nell’ultimo appuntamento stagionale in casa, Ranieri riproporrà di sana pianta lo stesso assetto difensivo della finale di Coppa Italia. Riise a sinistra, il tandem formato da Juan e Mexes in mezzo, oltre a Burdisso nel ruolo di terzino sinistro. Cassetti, che tra l’altro non si sta neanche allenando a causa di qualche noia muscolare, è squalificato anche in campionato e dopo l’Inter salterà anche il match con gli isolani. Ieri sera, da esterno, Nico non ha affatto sfigurato pur costretto dalle circostanze a giocare in una posizione per lui non abituale. Solido e preciso nelle chiusure, grintoso com’è consuetudine, il ventottenne di Altos de Chipiòn è rimasto sul terreno di gioco nel solo primo tempo, per poi essere rilevato da Motta all’inizio della ripresa. Nel suo personale tabellino l’intervento di mestiere su Snejider in apertura, che ha costretto l’olandese ad uscire per un problema alla coscia, e pochi istanti più in la un bel passaggio a Vucinic non sfruttato a dovere dal montenegrino. Bene anche Mexes e Juan (che pare non avvertire la stanchezza), mentre è sembrato un po’ affaticato Riise. Che tuttavia deve stringere i denti per gli ultimi 180’ stagionali viste le precarie condizioni di forma di Tonetto. La linea difensiva schierata dal mister giallorosso nella finale di ieri, limitatamente al campionato, è scesa in campo due volte dall’inizio del torneo. Ma non per tutti e 90’ i minuti di gara. Burdisso, Mexes, Juan e Riise hanno disputato insieme la ripresa della trasferta di Bergamo, dopo l’ingresso dell’ex interista in luogo di Motta, e nel primo tempo del derby d’andata, quello vinto grazie al gol di Cassetti ad un quarto d’ora dalla fine. In quell’occasione tuttavia il quartetto venne proposto solo nel primo tempo, dal momento che Mexes si fece male ad un ginocchio e venne rilevato da Cassetti ad un minuto dal riposo, col conseguente spostamento di Burdisso al fianco di Juan. Sfumata la conquista della decima Coppa Italia, ora la Roma dovrà concentrarsi sulle residue speranze di strappare lo scudetto all’Inter. Certo non sarà facile, ma un assetto difensivo con quei quattro là sarà senz’altro un buon punto di partenza.