Spezia-Roma 0-1 - Top & Flop

28.02.2022 22:50 di Danilo Budite Twitter:    vedi letture
Fonte: Redazione Vocegiallorossa - Danilo Budite
Spezia-Roma 0-1 - Top & Flop
Vocegiallorossa.it
© foto di www.imagephotoagency.it

TOP 

THAT'S AMORE - Non tremano le gambe a Tammy, ma quel pallone al 99' pesava davvero tanto. Dopo una prova opaca l'inglese trasforma il rigore che regala i tre punti alla Roma. Un rigore pesantissimo, che testimonia però il carattere dell'ex Chelsea, uno di quei giocatori di carattere che tanto piacciono a Mourinho e ai tifosi. In una Roma in cui spesso si parla di limiti mentali, Abraham rappresenta l'eccezione, il calciatore col carattere e la mentalità giusta. Non a caso i tifosi lo hanno subito eletto a beniamino e l'ex Chelsea ricambia l'amore e non perde occasione di dimostrarlo.

CI METTO LA FACCIA - Nel vero senso della parola, Zaniolo ci ha messo la faccia per conquistare questa vittoria, prendendo un calcione e guadagnadosi il rigore poi trasformato da Abraham. E su Instagram il 22 mostra poi i segni della botta, ma alla fine la ferita poco conta, come scrive Nico "l'importante erano i tre punti".

PRONTO A TUTTO - Si dice spesso che "i giovani non hanno voglia di fare niente", un mantra tutto italiano che spesso si adatta anche al mondo del calcio. In casa Roma invece i giovani sono volenterosi e pronti a tutto pur di giocare, anche adattarsi in ruoli decisamente non congeniali, come capitato a Zalewski che viene schierato come quinto di sinistra e poi si trova a fare il terzino, ma fa tutto con estrema applicazione.

FLOP 

ROMA SPRECONA - Va bene creare tanto ed essere pericolosi, ma se poi quella mole enorme di occasioni non viene concretizzata diventa tutto inutile. Oggi sarebbe bastato concretizzare un quarto di ciò che è stato creato per vincere senza patemi fino alla fine. Bisogna aggiustare la mira ed essere più concreti per non dipendere sempre dall'episodio come oggi.

TEATRINO INUTILE - Pretendere delle scuse dopo la partita di oggi pare abbastanza fuori luogo. Il rosso ad Amian è forse un po' largo, ma a termini di regolamento può starci, mentre manca un rosso netto ad Agudelo. La pretesa avanzata da Thiago Motta nel post partita è parsa abbastanza inutile ed è esemplificativa della tendenza, sempre dilagante, del lamentarsi di tutto a qualsiasi costo. Bisogna fare tesoro delle parole di Pellegrini nel prepartita e cercare di smorzare le polemiche.