Toni: "A Roma ho fatto bene, ora penso solo al Genoa"

01.07.2010 18:44 di Emanuele Melfi   vedi letture
Toni: "A Roma ho fatto bene, ora penso solo al Genoa"
Vocegiallorossa.it
© foto di Alberto Fornasari

«Se sono qua è perchè il presidente, l'allenatore e tutto lo staff mi hanno voluto fortemente, adesso tocca a me ripagare questa fiducia. Voglio cercare di aiutare la squadra, di raggiungere gli obiettivi e di fare più gol possibili». Luca Toni si presenta al Genoa e promette tanti gol per fare un campionato di vertice. «Dovremo cercare, prima di tutto, di fare un bel campionato, ci sono alcune squadre più forti ma noi siamo subito dietro, dobbiamo cercare di migliorare il risultato dell'anno scorso e stare dietro alle grandi. Il mio obiettivo è di fare gol e vincere la classifica marcatori che mi manca, ma viene prima sempre la squadra», ha aggiunto Toni durante la presentazione. Le caratteristiche tecniche del Genoa di Gasperini si addicono all'ex attaccante di Bayern Monaco e Roma. «È una squadra che va all'attacco, che crea tanto e per me che sono un attaccante d'area è la cosa migliore. Ho parlato con il mister, ci siamo visti di nascosto, ma le mie caratteristiche le conosce. Il presidente mi ha trasmesso il suo entusiasmo e voglio ripagare la sua fiducia, il presidente è un matto che mi piace...». Toni parla poi del derby e di Pazzini. «Quello di Genova è un derby particolare e non vedo l'ora di giocarlo. Mi piace l'adrenalina che da. Pazzini? È un amico ci incontriamo spesso, facciamo le vacanze insieme, ma in campo sarà una bella battaglia, voglio fare più gol di lui. A 15 reti scatta un premio? Non lo so ma spero di farne di più». Toni ha dato il massimo con la Roma nella seconda parte della scorsa stagione ed ora vuole fare lo tesso con la maglia rossoblu. «A Roma penso di aver fatto bene la mia parte. Ora l'importante è che il Genoa arrivi in alto». Per il bomber viene prima il Genoa e poi la nazionale del nuovo ct Cesare Prandelli, presentato oggi proprio come Toni. «Andare agli Europei con la nazionale? È una cosa che viene in un secondo piano. È chiaro che Prandelli mi conosce bene, ho fatto delle belle stagioni con lui. Ci sono attaccanti giovani e forti, ma se segno tanto spero mi prenda in considerazione».

 

DIVENTA FAN DI VOCEGIALLOROSSA SU FACEBOOK