L'avversario - I pochi punti deboli da sfruttare

22.04.2021 14:16 di Alessandro Carducci Twitter:    Vedi letture
Fonte: Redazione Vocegiallorossa - Alessandro Carducci
L'avversario - I pochi punti deboli da sfruttare
Vocegiallorossa.it
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Sarà l’Atalanta di Gasperini ad affrontare la Roma questo pomeriggio alle 18:30.

PUNTI FORTI – I bergamaschi hanno il miglior attacco con 72 reti e sono la seconda squadra per tiri in porta effettuati, dopo il Napoli. I nerazzurri prediligono avere il controllo del gioco, attaccando spesso tramite le fasce laterali, cercando di sovraccaricarle portando 3-4 giocatori, in modo tale da attirare l’avversario per poi uscire nello stretto oppure cambiare rapidamente gioco verso il lato debole avversario. Occhio anche alle conclusioni di testa con Zapata secondo in questa classifica dopo il fiorentino Vlahovic.
Appena persa palla, l’Atalanta cerca subito di recuperarla aggredendo l’avversario dopo aver portato molti giocatori nella metà campo offensiva.
In fase di prima pressione, la squadra di Gasperini aggredisce la squadra avversaria andando a contrasto e cercando di chiudere tutte le linee di passaggio. È la squadra con più duelli difensivi in Serie A e la seconda per numero di falli fatti. Curioso il dato secondo cui tra i 4 calciatori con più duelli difensivi in campionato figurano 3 atalantini: si tratta di Palomino, Romero e de Roon.
Oltre a Zapata, occhio a Muriel, autore di 18 gol e terzo marcatore in campionato dopo Ronaldo e Lukaku.

PUNTI DEBOLI – L’Atalanta concede poche occasioni: è la squadra a subìre meno tiri in Serie A (la Roma viene subito dopo). La squadra bergamasca è nota per la propensione dei difensori a seguire a uomo il calciatore avversario che capita nella zona. Si viene così a rompere spesso la linea difensiva e non è raro vedere i lombardi completamente fuori posizione dopo aver seguito (e inseguito) un giocatore avversario. Un apparente disordine che, in realtà, è molto bene organizzato con scalate e coperture.
L’Atalanta si affida molto, quindi, ai duelli difensivi, agli uno contro uno, e sarà fondamentale vincerli per acquisire un vantaggio enorme nello sviluppo dell’azione. Inoltre, se la Roma riuscirà a superare la prima linea di pressione potrò trovare spazi interessanti e sarà importante, quindi, trovare sempre linee di passaggio libere. Bisognerà giocare con precisione, concentrazione e rapidità.
L’Atalanta potrebbe inoltre soffrire gli inserimenti da dietro di un centrocampista, con Dzeko che potrebbe arretrare per portare fuori il difensore e un calciatore (Veretout) potrebbe attaccare quello spazio.

La probabile formazione dell'Atalanta
Atalanta (4-2-3-1): Gollini; Toloi, Romero, Palomino, Gosens; de Roon, Freuler; Malinovskyi, Pessina, Muriel, Zapata. All.: Gasperini.