Lady Dzeko: "Per Edin c'è tanto affetto da parte dei tifosi. Cerco di lasciarlo concentrato sulla sua carriera"

22.10.2019 08:51 di Luca d'Alessandro Twitter:    Vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Lady Dzeko: "Per Edin c'è tanto affetto da parte dei tifosi. Cerco di lasciarlo concentrato sulla sua carriera"

Leggo ha intervistato Amra, moglie dell'attaccante della Roma, Edin Dzeko. Ecco alcuni passaggi della sua intervista:

Di tempo ne è passato e Amra oggi vive a Roma, seguendo la carriera da calciatore del marito fuoriclasse. 
«Roma è la mia seconda casa. Adoro la gente, è molto calorosa. La considero, in questo, davvero simile ai bosniaci. E poi amo il centro storico della Capitale, anche se vivo a Casal Palocco, una zona per noi molto comoda. C'è anche una grande pineta dove vado sempre a correre con Rio, uno dei miei due cani; è un corso, l'altro si chiama Smoki ed è un chihuahua».


Però lei è la moglie di Dzeko e questo a Roma oggi vuol dire tanto.
«Siamo venuti a Roma che eravamo sposati da sei mesi. L'abbiamo visitata da turisti, in tranquillità, prima della firma del contratto, quando lui non era ancora conosciuto in città; poi è diventato impossibile, per Edin c'è tanto affetto e un assalto continuo dei tifosi».

La sua giornata tipo?
«Porto a scuola i bambini, Una e Dani (Sofia ha 16 anni ed è autonoma) e vado a crossfit; poi in pineta con i cani. A pranzo torno a casa, un'occasione per ritrovarsi con Edin. Cucino qualcosa di sano, ma quando andiamo al ristorante, invece, ordino la parmiggiana. Se soffriamo di nostalgia, preparo piatti bosniaci. La nostra vita familiare è molto tranquilla, senza colpi di scena ma qualche giorno fa c'è stato un piccolo fuori programma di cui vado fiera. Mia figlia Sofia ci ha parlato con entusiasmo di un Wok, un ristorante in centro, mentre eravamo tutti in giardino. Con Edin ci siamo guardati e abbiamo deciso di uscire, tutti insieme, per andare a provarlo»

Lei ed Edin che tipo di genitori siete.
«Ci dedichiamo molto alla famiglia, perché sappiamo quanto è importante seguire i figli nella crescita. Ad aiutarci ci sono mia madre e mia suocera, ma anche Sofia mi dà una grande mano. Nelle cose pratiche che riguardano i bambini, cerco di lasciare Edin tranquillo e concentrato sulla sua carriera di calciatore. Da quando è nata Una, la seconda figlia, non dormiamo neanche più assieme. Il letto lo divido con lei e Dani, così il loro papà può riposare di più».