Mourinho ha perso meno punti di Fonseca nelle 14 partite post-Europa. Ma il finale di campionato rischia di essere simile

11.05.2022 12:30 di Marco Rossi Mercanti Twitter:    vedi letture
Fonte: Redazione Vocegiallorossa - Marco Rossi Mercanti
Mourinho ha perso meno punti di Fonseca nelle 14 partite post-Europa. Ma il finale di campionato rischia di essere simile
© foto di Vocegiallorossa.it

Nuovo appuntamento con i podcast di VoceGialloRossa.it: ogni giorno, dal lunedì al venerdì, approfondiremo con le voci dei nostri redattori uno dei temi più importanti della giornata.

Oggi ripartiremo dalle parole di Mourinho nel post gara di Fiorentina-Roma, dove ha ribadito come la sua squadra abbia perso tanti punti a causa del doppio impegno, paragonandolo con quanto accaduto l'anno scorso con Fonseca, anch'egli con 14 partite europee disputate.

Su 42 punti disponibili nelle gare post Europa League, la Roma di Fonseca ne conquistò 18, con un evidente rallentamento nella fase a eliminazione diretta, quando i giallorossi raccolsero appena 7 punti in 8 gare giocate dopo l’impegno europeo.

Passando, invece, alla Roma di Mourinho, lo score è migliore con 25 punti conquistati su 42. Sotto questo aspetto, quindi, lo Special One ha fatto qualcosa in più, pur utilizzando quasi sempre gli stessi giocatori, al contrario di Fonseca che era solito ruotare maggiormente la formazione.

Contro la Fiorentina, però, non è riuscito il colpaccio, che avrebbe permesso di chiudere con due giornate d’anticipo almeno il discorso per il settimo posto, permettendo così di affrontare Venezia e Torino con maggior serenità prima della finale di Conference League.

Invece, la Roma deve ancora chiudere il discorso europeo in campionato ed è obbligatoria, in tal senso, una vittoria sabato alle 20:45 contro il Venezia. L’obiettivo è non ripetere quanto accaduto un anno fa, con i giallorossi che si giocarono un posto in Europa all’ultimo incontro con lo Spezia, strappando in rimonta il pareggio decisivo.

L’anno scorso, al contrario di adesso, non c’era una finale da preparare e sarebbe vitale presentarsi all’ultimo atto Torino-Roma con la classifica già delineata, in modo da rivolgere tutte le energie psico-fisiche al Feyenoord, che andrà in ritiro una settimana per preparare la finale di Tirana.