"Bella la coppa, bella la festa, bella la presentazione di CR7 all'Olimpico", ma è tempo di andare avanti

01.07.2022 12:52 di Luca d'Alessandro Twitter:    vedi letture
Fonte: Il podcast di Luca d'Alessandro
"Bella la coppa, bella la festa, bella la presentazione di CR7 all'Olimpico", ma è tempo di andare avanti

Nuovo appuntamento con i podcast di VoceGialloRossa.it: ogni giorno, dal lunedì al venerdì, approfondiremo con le voci dei nostri redattori uno dei temi più importanti della giornata.

Il 30 giugno nel calcio rappresenta la fine di una stagione. Per la Roma quella che si è appena conclusa è stata una stagione vincente, grazie alla conquista della Confernce League. 25 maggio 2022, Tirana. Data e luogo che rimarranno nella storia del club, così come la gioia provata da ogni tifoso giallorosso, tra chi era in Albania, chi era tra i 50.000 dell'Olimpico e chi la vedeva comodamente a casa. La partita, la vittoria, la festa, il giusto tributo e i festeggiamenti con la squadra. Quanto devono durare i festeggiamenti per la Conference League? Ognuno sinceramente può fare ciò che vuole, specie se la vittoria di una coppa è un qualcosa che mancava da troppo tempo. Certo è come avrebbe potuto dire il Marchese del Grillo: "Bella a coppa, bella a festa, bella a presentazione di CR7 all'Olimpico, ma adesso tocca andare avanti".  Lo sa bene Tiago Pinto nei suoi giorni lavorativi, tra un incontro con un agente e una squadra per allestire una rosa capace di lottare per la Champions League. Il tutto senza fretta. L'obiettivo è quello di assecondare le richieste di Mourinho, che ha già dato prova la scorsa stagione di sapersi accontentare di ciò che le dinamiche di mercato possano portare a Trigoria. La scorsa stagione si parlò di un mercato dinamico, vista la questione Dzeko, ceduto dopo aver preso Shomurodov, che fu rimpiazzato con Abraham. Tra dichiarazioni aziendaliste e critiche per una rosa che non soddisfaceva le proprie ambizioni, comunque è riuscito a vincere qualcosa. Ovvio che tutti i tifosi sognano, si aspettano, un colpo per dar seguito a quanto fatto. Una sorta di premio al mister per il trofeo appena vinto, magari sulla scia emotiva di quelle che spingono a voler far sempre meglio, perché, di solito, quando si ottiene qualcosa che si bramava, si vuole sempre di più. Andare avanti per la Roma significa proprio questo, sfruttare un avvenimento positivo per avere lo stimolo a fare meglio, senza cadere nel solito cliché che nella Capitale ci si riempia lo stomaco con poco e passi la fame, in questo caso, di vittoria.