Dal gol/non gol contro lo United alla vittoria della Conference: Zalewski è pronto a tornare dove tutto è iniziato

08.09.2022 12:47 di Emiliano Tomasini Twitter:    vedi letture
Fonte: Redazione Vocegiallorossa - Emiliano Tomasini
Dal gol/non gol contro lo United alla vittoria della Conference: Zalewski è pronto a tornare dove tutto è iniziato
Vocegiallorossa.it
© foto di www.imagephotoagency.it

Nuovo appuntamento con i podcast di VoceGialloRossa.it: ogni giorno, dal lunedì al venerdì, approfondiremo con le voci dei nostri redattori uno dei temi più importanti della giornata.

Il 6 maggio 2021 la Roma vinceva 3-2 contro il Manchester United allo stadio Olimpico, una vittoria però inutile perché arrivata dopo la sconfitta per 6-2 all’Old Trafford. Il terzo gol giallorosso è viziato da un giovane della primavera al suo esordio tra i grandi, il suo nome è Nicola Zalewski. Cross dalla sinistra di Santon e tiro al volo di Zalewski, il pallone sbatte su Alex Telles ed entra in rete, l’italo polacco esulta appena, consapevole del poco valore del gol ai fini del risultato. Poco più tardi l’UEFA assegna l’autogol al brasiliano, togliendo la soddisfazione della prima rete tra i professionisti al giovane esordiente.

Gol o non gol a parte, il giovane non poteva scegliere momento migliore per mettersi in mostra. Appena due giorni prima, infatti, la Roma aveva annunciato José Mourinho come nuovo allenatore per la stagione successiva. E proprio con Mou Zalewski è esploso nel nuovo ruolo di esterno a tutta fascia. Sulla vittoria della Conference c’è anche la sua firma, grazie a tante giocate di qualità e alcuni assist decisivi, come quello servito a Pellegrini contro il Leicester. Grazie alle sue prestazioni ha attirato su di sé l’attenzione di tante grandi squadre, tutte rifiutate dal giocatore e dalla società, come appreso dalla redazione di VoceGiallorossa.it.

Con il ritorno di Spinazzola dall’infortunio, Zalewski non ha più il posto assicurato. I due giocano nello stesso ruolo ma con caratteristiche diverse, il giovane è sicuramente più offensivo di Spina, che invece riesce a dare maggiore equilibrio alla squadra. Ma complice un possibile turnover e una condizione non esaltante del numero 37, contro il Ludogorets il 59 potrebbe tornare titolare. Da giovane sconosciuto a giocatore affermato, Zalewski è pronto a tornare in Europa League, dove circa un anno e mezzo fa la sua avventura da professionista è iniziata, sperando di trovare anche la gioia del primo gol, che dopo quella notte di maggio non è più arrivato.