Serie A Femminile - Le pagelle di Empoli-Roma 2-0

06.09.2020 16:00 di Luca d'Alessandro Twitter:    Vedi letture
Fonte: Redazione Vocegiallorossa - Luca d'Alessandro
Serie A Femminile - Le pagelle di Empoli-Roma 2-0

Baldi 5,5: gara attenta nel leggere prima le situazioni uscendo tempestivamente dalla propria area di rigore sia coi piedi che in uscita bassa. Esce alla disperata, con Swaby ed Erzen a marcare una sola calciatrice avversaria, lasciando sguarnita la porta, nell'azione che porta al secondo calcio di rigore per l'Empoli. 

Soffia 5,5: un bel numero sulla fascia per il cross che Hegerberg colpisce di tacco, sfiorando il go. Incide di più l'intervento bucato in area di rigore su cui è brava Domping a bucare la difesa giallorossa dando il la all'azione che si concluderà poi con il fallo di Pettenuzzo per il primo penalty. Dall'82' Erzen s.v

Swaby 5,5: bello il lancio per Bonfantini che innesca la numero 22 giallorossa a tu per tu con Fedele. Rivedibili i suoi interventi difensivi. Soffre la fisicità di Polli e non è fredda sbrogliare la matassa nel tempo di recupero. Una classica spazzata in fallo laterale avrebbe evitato il rosso a Bartoli. 

Pettenuzzo 5: a differenza delle prime due partite si vede da subito che non sia in giornata. Commette molti errori facili in disimpegno, si perde Polli (in una situazione simile al gol del Sassuolo di Pirone). Nel secondo tempo commette il fallo da rigore per troppa irruenza, anche questa una situazione sottolineatale dalla panchina anche nella gara contro la Pink Bari. Dal 90'+1' Landa s.v: schierata in campo come mossa della disperazione è protagonista di una buona azione sulla fascia. 

Bartoli 5,5: capitana di una Roma che non incarna le sue doti di combattente, si fa espellere per colpa di una parata sulla linea a gara ormai conclusa. 

Bernauer 5: riproposta con i compiti tattici della gara vinta contro il Bari, non riescere a brillare. Ammonita dopo i primi 45', Bavagnoli la lascia negli spogliatoi nell'intervallo. Dal 46' Hegerberg 6: va vicinissima al gol con un bel colpo tacco respinto di petto sulla linea. In qualche modo dà un maggior dinamismo al centrocampo, ma come si vede bene in un'azione di gioco, quando si defila sulla fascia deve aspettare, incitandole, le proprie compagne a occupare lo spazio in area di rigore per raccogliere i suoi cross. 

Giugliano 5,5: continua a fare una regia dal basso, penalizzando il suo gioco solito. C'è da dire che anche quando è chiamata a calciare da fermo si nota non stia attraversando un buon momento di forma. 

Andressa 5: con Bernauer e Giugliano più arretrate a lanciare sulle fasce lei dovrebbe essere più libera di manovrare tra i due reparti. Non riesce a mettere il proprio talento al servizio della squadra, non è pericolosa neanche su calcio piazzato. 

Bonfantini 6: la Roma va vicina al gol con un suo bel pallonetto che si stampa sul palo al 10'. Gioca sempre dettando il movimento in profondità, scatto dopo scatto, fino a lasciare il posto, nella staffetta sulla fascia alla sua compagna di reparto. Dal 60' Thomas 5,5: entra senza incidere. 

Lazaro 5: prova in più di un'occasione la sterzata sulle avversarie cercando il penalty, non ci riesce. Fuori fase anche lei nel contesto della manovra offensiva. Se si pensa quanto avesse incisivo sia contro il Sassuolo, sia contro la Pink Bari, è facile capire come la Roma non abbia trovato la via del gol. 

Serturini 5,5: ha la grande occasione con il tap-in dopo il palo colpito da Bonfantini, ma non è scaltra nel leggere la situazione e tira di istinto contro un muro di tre difensori dell'Empoli. Gioca la sua partita di manovra sulla fascia ed è pericolosa con un tiro dalla distanza ben deviato in corner da Fedele. Dall' 82' Corelli s.v. 

Bavagnoli 5: 4 punti dopo 3 giornate senza aver affrontato nessuna delle big, in un campionato corto e dai valori delineati al top è un handicap che può già costare caro. Nella sua visione del match la partita è stata preparata bene tatticamente, il campo dice che la sua Roma giochi principalmente a lanci lunghi per le esterni d'attacco, bypassando il centrocampo, reparto migliore della rosa, in un sistema che penalizza sia Andressa che Giugliano, le due stelle della squadra.