Sampdoria-Roma 0-1 - Le pagelle del match

07.04.2019 14:45 di Alessandro Carducci Twitter:    Vedi letture
© foto di www.imagephotoagency.it
Sampdoria-Roma 0-1 - Le pagelle del match

Mirante 6: una gran parata su Defrel nel primo tempo mentre, proprio allo scadere, un rinvio sbagliato rischia di mettere nei guai i giallorossi.

Karsdorp 6: inizia male perdendosi Quagliarella ma poi reagisce bene e prova a spingere, mettendo qualche buon cross in mezzo. Dal 6’st Jesus 6: si mette in una posizione a lui inusuale ma se la cava senza drammi.

Manolas 7: mette una pezza dove può fino al 95’.

Fazio 5,5: gioca una buona gara fino ai minuti finali. Prima marca l’uomo sbagliato, lasciando solo Gabbiadini, e poi, su rilancio sbagliato di Mirante, ci mette del suo non spazzando subito il pallone ma perdendolo e facendo ripartire la Samp.

Kolarov 6: timido nel primo tempo, nella ripresa sale maggiormente in cattedra e sforna un paio di cross molto interessanti.

Cristante 6: bene nella prima parte del match e attento alla fase difensiva. Cala leggermente nella ripresa.

De Rossi 7: torna in campo e decide il match facendosi trovare al posto giusto al momento giusto.

Zaniolo 6,5: inizia molto bene, si posiziona largo e prova il dribbling o la giocata per un suo compagno. Finisce con la lingua di fuori, stanchissimo.

Pellegrini 6,5: dà una buona palla a Schick, sul finire del primo tempo, mentre in fase di non possesso scherma Vieira per disturbare la costruzione dell’azione della Sampdoria.. Ancora non in condizione, gioca un’ora. Dal 21’st Dzeko 6,5: non ha occasioni ma gioca con intelligenza e dà peso all’attacco giallorosso.

Kluivert 5,5: tanta quantità, tantissima, ma poca qualità e poca lucidità negli ultimi metri. Dal 27’st El Shaarawy SV.

Schick 6: ci prova, sgomita, sfiora il gol in due occasioni ma non ha la giusta cattiveria. Propizia, con il suo colpo di testa, il gol di De Rossi.

Ranieri 7: la sua Roma più convincente. Una Roma determinata, abbastanza attenta, abbastanza efficace in avanti, anche se con fatica per le precarie condizioni fisiche dei singoli. Una vittoria fondamentale.