Roma-Parma - Le pagelle

15.02.2015 17:02 di Alessandro Carducci Twitter:    vedi letture
Roma-Parma - Le pagelle
Vocegiallorossa.it
© foto di Federico Gaetano

De Sanctis sv: subito un brivido, con un pallone sfuggito di mano, ma poi non deve fare più nulla perché il Parma si avvicinerà a fatica alla metà campo romanista.

Florenzi 6: probabilmente il migliore della Roma. Spinge come un treno mettendo innumerevoli palloni in mezzo all'area, che nessuno raccoglie.

Manolas 6: fa un brutto errore nel primo tempo ma per il resto passa un pomeriggio abbastanza tranquillo.

Yanga-Mbiwa 6: respinge con efficacia i pochi attacchi emiliani.

Cole 6: più vispo del solito, si butta in avanti e va due volte vicino a gol, colpendo anche un palo.

Nainggolan 6: come al solito, corre per quattro. Preziosissimo in fase difensiva, prova anche un paio di conclusioni ma non è fortunato.  Delizioso l'assist per Doumbia, che difetta di cattiveria e non riesce a raggiungere il pallone.

De Rossi 5.5: torna in campo dopo quasi un mese di stop. Nel primo tempo sfiora il gol ma il pallone termina alto. Dal 13'st Verde 6: dà vivacità alla spenta manovra della Roma e, nel finale, sfiora anche il gol con un destro che termina a lato.

Keita 6: buona la prestazione del centrocampista giallorosso. Sempre presente in fase di copertura, il maliano prova anche qualche inserimento in avanti, tentando talvolta di pressare sul portatore palla avversario.

Ljajic 6: con Pjanic e Totti out, è lui a dover dare qualità alla Roma. Nel primo tempo serve due buone palle che non vengono sfruttare a dovere. In area, tenta la soluzione personale e per poco non trova la porta. Rientra sempre a dare una mano in difesa e, nella ripresa, la stanchezza si fa sentire. Dal 22'st Paredes sv.

Gervinho 5: torna da un'estenuante Coppa d'Africa e non ha la consueta brillantezza che lo ha sempre caratterizzato. La Roma si affida spesso ai suoi piedi ma l'ivoriano perde parecchi palloni.

Doumbia 5: l'esordio con la maglia della Roma non è certamente dei migliori. Non tocca palla per quasi tutto il match e nel finale manca per due volte l'aggancio con il pallone. Ha moltissime attenuanti, essendo arrivato pochi giorni fa nella Capitale dopo un'estenuante Coppa d'Africa. Esce tra i fischi ingenerosi dell'Olimpico. Dal 39'st Sanabria sv.

Garcia 5: la sua Roma continua lentamente ad affondare nelle sabbie mobili e non si vede una rapida via d'uscita.