Roma-Napoli 1-4 - Le pagelle del match

01.04.2019 08:30 di Alessandro Carducci Twitter:    Vedi letture
© foto di www.imagephotoagency.it
Roma-Napoli 1-4 - Le pagelle del match

Olsen 5: bravo nel primo tempo su Verdi ma rovina tutto andando vuoto in occasione del gol di Mertens. Nonostante ciò, tra i meno peggio.

Santon 4,5: prova timidamente ad attaccare lo spazio, senza troppi risultati. Fatica anche in fase difensiva.

Manolas 5: alterna alcune disattenzioni a grandi recuperi. Ha l'attenuante di giocare in non perfette condizioni fisiche.

Fazio 4: una sensazione di affanno continuo e di angoscia perpetua accompagna ogni sua azione.

Kolarov 4,5: stringe i denti e scende in campo in condizione non ottimale e si vede.

Nzonzi 4: gioca in linea con Cristante e sbaglia molti passaggi anche banali. Ha due ottime occasioni, entrambe di testa, mandando fuori il primo pallone e colpendo la traversa nella ripresa a pochi metri dalla linea di porta.

De Rossi 5: al rientro dall’infortuni, stringe i denti e mette in campo più intensità di tutti. Fa tenerezza quando va a pressare seguito da nessuno. I giocatori del Napoli spuntano da tutte le parti e neanche lui riesce a evitare il tracrollo. Dal 37’st Kluivert SV.

Schick 4,5: conquista il rigore ma è l’unica cosa buona fatta durante il match. Dal 18’st Zaniolo SV: questa volta non riesce a incidere ma non si può chiedere troppo a questo ragazzo, anche considerando che non aveva giocato dall’inizio per un problema intestinale.

Cristante 4: schierato in posizione più avanzata, va più vicino al gol con un paio di conclusioni da fuori ma sempre dando la sensazione di essere di essere un pesce fuor d’acqua.

Perotti 6: l’unico a dare qualità in avanti, a tentare un dribbling, un filtrante. Mostra freddezza segnando un rigore così importante. Incolpevole. Dal 37’st Ünder SV.

Dzeko 4: scuote la testa, se la prende con qualche compagno. In giornata no, con un atteggiamento fortemente negativo.

Ranieri 4: è venuto a Roma con il compito di toccare le corde giuste per far reagire la squadra. Obiettivo fallito, al momento.