Roma-Gent 1-0 - Le pagelle del match

21.02.2020 08:00 di Alessandro Carducci Twitter:    Vedi letture
© foto di www.imagephotoagency.it
Roma-Gent 1-0 - Le pagelle del match

Pau Lopez 5,5: perde un paio di palloni tremendi che fanno tremare l’Olimpico. Ben posizionato in occasione di alcune conclusioni dalla distanza del Gent.

Spinazzola 5,5: bene nei primi minuti ma poi perde di concretezza e perde palloni banale. Dal 69’ Santon 6,5: ha un buon approccio alla gara e crea una grande occasione con un dribbling e un cross preciso per la testa di Kolarov.

Smalling 6,5: come al solito, ci pensa l’inglese a salvare la Roma in più di un’occasione. Non perde mai lucidità.

Fazio 5,5: prestazione sufficiente fin quando rimane fermo a guardare Depoitre, che non sfrutta l’occasione e spreca una ghiotta occasione.

Kolarov 5,5: una brutta palla persa nel primo tempo, pochissima spinta e un colpo di testa con un grande stacco, parato dal portiere. Non una grande gara.

Cristante 6,5: nel primo tempo si posiziona tra i centrali per far ripartire l’azione. Discreta la qualità della trasmissione del pallone ed è sempre più il regista della Roma.

Veretout 6: va in contrasto, a volte si allarga sulla destra e si limita al compitino.

Perez 7: dà brillantezza con la sua rapidità e trova subito il gol, sfruttando bene e con freddezza un assist di Dzeko. Bellissimo il segnale che dà quando, nel primo tempo, fa un recupero provvidenziale al limite della propria area di rigore.

Pellegrini 5: sbaglia troppi palloni e manca di qualità. Non da oggi, purtroppo. Dal 79' Mkhitaryan SV.

Perotti 6: si muove molto nel primo tempo venendo incontro nel corridoio sinistro e cercando anche la profondità. Cala vistosamente nella ripresa. Dal 82' Kluivert SV.

Dzeko 6,5: lesto e preciso nel servire a Perez la palla del gol vittoria. Non ha altre occasioni per mettersi in mostra.

Fonseca 6: ottiene il massimo con il minimo sforza ma è andata bene alla Roma, soprattutto per non aver subito reti. Risultato ottenuto non grazie a un atteggiamento troppo remissivo della squadra, pur contro una squadra non irresistibile.