Roma-Benevento 5-2 - Le pagelle del match

12.02.2018 09:30 di Redazione Vocegiallorossa Twitter:   articolo letto 22433 volte
© foto di www.imagephotoagency.it
Roma-Benevento 5-2 - Le pagelle del match

Alisson 6: non deve compiere grandi interventi e può far poco sui gol del Benevento.

Florenzi 5.5: non inizia bene facendosi sorprendere in fase difensiva. Cresce alla distanza ma termina dimenticandosi di Brignola.

Manolas 5.5: troppo morbida la marcatura su Guilherme, in occasione del primo gol avversario. Chiude senza altre sbavature.

Fazio 7: non commette errori e segna il gol decisivo, che pareggia i conti e sblocca mentalmente la squadra.

Kolarov 6.5: fa segnare Fazio e prova a fare lo stesso anche con Dzeko ma il bosniaco la mette a lato.

Gerson 6.5: un gentleman con l'aggressività di cagnaccio. Dà sempre l'impressione di poter fare di più ma è ordinato in fase difensiva e fa girare la palla.

Strootman 6: mentre Gerson rimane più in basso, l'olandese prova ad aggredire più alto. Con risultati alterni.

Ünder 8: dopo il contro il Verona gioca molto più sciolto e tranquillo. Così tanto da fare un assist e due gol. Valanga. Dal 37' De Rossi sv.

Perotti 6.5: nel primo tempo fatica molto da trequartista. Nella ripresa, Di Francesco lo rimette a sinistra e l'argentino crea molti più pericoli, servendo l'assist per il primo gol di Ünder. Dal 44'st Schick sv.

El Shaarawy 5: ha un paio di buone occasioni ma non trova la mira. Nella ripresa, finisce sulla fascia destra e Di Francesco preferisce così inserire Defrel. Dal 12'st Defrel 6.5: chi lo sa se il rigore realizzato nel finale non possa avere lo stesso effetto del gol di Verona di Ünder. Bel gesto da parte di Dzeko, che si è fatto da parte e ha lasciato la palla all'ex Sassuolo

Dzeko 6.5: dopo 3 palle gol sciupate, non sbaglia la quarta e si leva un grosso peso dalla spalle. Generoso nel lasciare il rigore a Defrel.

Di Francesco 7: invita subito tutti alla calma dopo il pessimo inizio. La Roma crea ma non segna e il mister ha poche colpe. Nella ripresa, cambia le carte sulla trequarti, riporta Perotti a sinistra, lascia Ünder a destra e mette Defrel in mezzo e la Roma cambia marcia.