Fiorentina-Roma 1-2 - Le pagelle del match

04.03.2021 21:10 di Luca d'Alessandro Twitter:    vedi letture
Fonte: Redazione Vocegiallorossa - Luca d'Alessandro
Fiorentina-Roma 1-2 - Le pagelle del match
Vocegiallorossa.it
© foto di Federico De Luca 2021

Pau Lopez 6: ormai palla al piede è un mix tra rischio (per la Roma) e ansia (per chi guarda). Al di là di questi, assodati ormai, errori, tra i pali è bravo due volte su Vlahovic e in uscita bassa su Castovilli.

Mancini 6: primo tempo da dimenticare, secondo da protagonista. Sbaglia a centrocampo in pressing su Amrabat, perdendosi l'uomo alle spalle e la Fiorentina con l'asse Ribery-Vlahovic crea la sua migliore occasione dei primi 45'. Dà una gomitata a Ribery, rimediando il consueto cartellino giallo (rischiando il rosso). Come già scritto si riscatta con un bell'assist per il gol di Spinazzola e l'opposizione a corpo morto sul tiro di Ribery a botta sicura. 

Cristante 5,5: soffre prima la fisicità di Vlahovic, poi cala alla distanza. Sbaglia a salire sul fuorigioco e regala una buona chance ai viola e col cambio di marcature, Ribery non lo vede mai. 

Kumbulla 6: buona gara, sempre in anticipo, sia di testa che di piede. Nel primo tempo se la vede con Castrovilli, poi con Vlahovic. Rimedia un cartellino giallo per proteste che lo costringerà a saltare la prossima gara. Dall'81' Smalling S.V.

Peres 6: bel duello con Igor e a farne le spese è proprio il viola. Crossa una buona palla per El Shaarawy, il cui tiro è respinto. dall'81' Karsdorp 6,5: assist del match. Si fa trovare sul filo del fuorigioco da Diawara che poi trova a sua volta con un gran bel cross rasoterra. 

Diawara 7,5: preferito a Villar, si vede da subito essere in palla. Il primo tiro della Roma è il suo (alto). Si abbassa molto in fase d'impostazione ed è l'unico a fare al meglio quella d'interdizione. Dopo aver scaldato nuovamente le mani del portiere della Fiorentina è bravo a iniziare e, soprattutto, a concludere l'azione del match. Gol da 3 punti. 

Veretout 6: inizia al meglio con un bel tacco per Spinazzola e una partita dinamica con i suoi inserimenti. Dovrebbe infastidire Amrabat in pressione (e viceceversa), ma pian piano si perde nelle difficoltà di manovra della squadra. Esce per infortunio dopo l'azione del momentaneo pareggio viola. Dal 62' Pedro 5,5: chiede spiegazioni a Fonseca sul suo scarso impiego prima del match, ma quando viene mandato in campo conferma di non attraversare un buon momento. 

Spinazzola 7: fa e disfa la tela giallorossa come Penelope. Segna un gran gol da centravanti consumato con un taglio da sinistra al centro dell'area e girata di prima, al volo sul primo palo. In completo stato di grazia regala una giocata spettacolare con un tacco per Veretout. Poi arriva l'infortunio dell'autogol. Non demorde e continua a essere l'uomo in più della Roma, creando tante occasioni sulla fascia sinistra. 

Pellegrini 6,5: gara di sostanza in mezzo al campo per il capitano giallorosso. Esce nel finale di primo tempo con una bella palla riconquistata a centrocampo e una transizione che poi sfuma. Tenta anche la conclusione dalla distanza, ovvero il primo tiro nello specchio della Roma. Con l'uscita di Veretout abbassa il suo raggio d'azione, ma non la qualità della gara disputata. 

Mkhitaryan 5: lo si vede in due occasioni, un tiro alto al 12' e in un'altra conclusione dove scivola malamente nel tentativo di calciare di sinistro. Dal 67' El Shaarawy 6: entra e trova subito il tiro in porta (respinto). Infastidice Vlahovic, intento a calciare a botta quasi sicura. Conclusione su cui Pau Lopez compie una parata plastica. 

Borja Mayoral 5: costretto ad allargarsi perché sui duelli aerei, nelle molte palle lunghe, non ne vince nessuno, ha una ghiotta occasione, dopo un bel taglio, ma non ha il killer instinct necessario per riscattare la sua prestazione opaca. 

Fonseca 6: soffre e tanto la Fiorentina messa in campo da Prandelli. La sua Roma è costretta al lancio lungo perché non riesce a costruire la manovra dal basso. Non funziona neanche il pressing né l'attacco. L'infortunio di Castrovilli cambia le sorti tattiche del match ed esce fuori la squadra, specialmente sulle fasce. Prova a cambiare in avanti ed è costretto a cambiare per gli infortuni di Veretout e Kumbulla. Indovina la mossa Karsdorp e quella Diawara.