La Roma in Nazionale - Lituania-Serbia 1-2 - Una doppietta di Mitrović regala i tre punti agli ospiti. Buona prestazione per Kolarov, in campo per 90 minuti

15.10.2019 08:00 di Simone Valdarchi Twitter:    Vedi letture
Fonte: Redazione Vocegiallorossa - Simone Valdarchi
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
 La Roma in Nazionale  - Lituania-Serbia 1-2 - Una doppietta di Mitrović regala i tre punti agli ospiti. Buona prestazione per Kolarov, in campo per 90 minuti

Bella prestazione per gli uomini di Tumbaković che in Lituania passano grazie alla doppietta di Mitrović, raggiungendo così quota 10 punti, uno in meno del Portogallo sconfitto in serata dall'Ucraina. Come di consueto, Vocegiallorossa.it ha seguito live l'incontro, aggiornando il tabellino della gara e proponendo un approfondimento sulla gara del romanista impegnato: Aleksandar Kolarov.

LA GARA - Gli ospiti dominano il gioco e si meritano i tre punti, ma la Lituania riesce comunque a rendersi pericolosa in qualche occasione, sfruttando gli spazi lasciati dai serbi. La prima chance arriva al terzo minuto: invenzione di Ljajić per Radonjić, assist al centro per l'accorrente Mitrović, chiuso sul più bello da Girdvainis. Al sesto però, gli uomini di casa vanno vicini al gol del vantaggio, grazie ad un'assurda uscita di Dmitrović che sulla trequarti perde palla, favorendo il pallonetto di Verbickas bloccato sulla linea da Kolarov. Alla mezz'ora, azione solitaria sulla destra di Radonjić, cross teso al centro, deviazione Šimkus che sfiora l'autogol e mette in angolo. Sugli sviluppi del corner, cross di Milenković per Mitrović, colpo di testa sul secondo palo e gran risposta di Černiauskas. All'inizio della ripresa, due incursioni di Ljajić sulla destra (al 49' e al 53') confezionano gli assist per Mitrović che porta in avanti i suoi. La gara trascorre senza troppi acuti, fatta eccezione per la discesa sulla sinistra di Kazlauskas che, dopo aver superato un paio di avversari, si accentra e conclude con il destro, battendo Dmitrović sul suo palo.

KOLAROV - Il terzino giallorosso e capitano della Serbia viene schierato dal primo minuto, al centro della difesa in coppia con Milenković. Prova positiva per il numero 11, con qualche sbavatura in fase difensiva ma con il solito apporto offensivo. A lui viene affidata l'impostazione dell'azione dal basso e, alla metà del primo, dai 30 metri lascia partire un tiro con il sinistro parato in due tempi da Černiauskas.


LITUANIA-SERBIA 1-2 (49', 53' A. Mitrović, 79' D. Kazlauskas)

LITUANIA (4-3-2-1): Černiauskas; Baravykas, Klimavičius, Girdvainis, Mikoliūnas; Golubickas (73' D. Kazlauskas), Šimkus, Vorobjovas; Verbickas (56' Žulpa), Lasickas; D. Matulevičius (64' Laukžemis).
A disp.: Bartkus, Adamonis, A. Jankauskas, Vaitkūnas, G. Matulevičius, Kasparavičius.
CT: Valdas Urbonas




SERBIA (4-2-3-1): Dmitrović; N. Miletić, Milenković, Kolarov, Mladenović​​​​​​​; Maksimović​​​​​​​, Milivojević​​​​​​​; Kostić (46' Gaćinović)​​​​​​​, Ljajić​​​​​​​ (85' Gudelj), Radonjić​​​​​​​; A. Mitrović​​​​​​​.
A disp.: Rajković, Rockov, Gobeljić, Rodić​​​​​​​​​​​​​​, S. Mitrović​​​​​​​​​​​​​​, Lukić​​​​​​​, Milunović, Pavkov​​​​​​​, Pavlović​​​​​​​.
CT: Ljubiša Tumbaković




Arbitro: Paweł Raczkowski (POL)
Assistenti: Michal Obukowicz (POL), Radosław Siejka (POL)
Quarto ufficiale: Pawel Gil (POL)

Ammoniti: 80' Ljajić​​​​​​​ (SRB), 90' Laukžemis (LTU), 90'+2' Kazlauskas (LTU)