TRIGORIA - Bruno Peres: "Ora ho la testa giusta, la testa di un professionista. Voglio meritare il rinnovo del contratto". VIDEO!

05.11.2020 08:02 di Redazione Vocegiallorossa Twitter:    Vedi letture
TRIGORIA - Bruno Peres: "Ora ho la testa giusta, la testa di un professionista. Voglio meritare il rinnovo del contratto". VIDEO!
Vocegiallorossa.it
© foto di Daniele Buffa/Image Sport

Si è tenuta ieri la conferenza stampa di Bruno Peres alla vigilia del match di questa sera di Europa League contro il Cluj. Vocegiallorossa.it ha seguito in diretta l'evento, fornendo la trascrizione delle parole della conferenza.
 

Rientrare dopo il COVID-19 ti ha creato qualche problema o sei ripartito senza effetti?
"Per me è stato difficile perché sono rientrato dopo la squadra e non ho fatto la preparazione con i compagni. Ora però sto raggiungengo il loro livello ed è importantissimo".

Sei stato decisivo in Svizzera. Cosa pensi di poter dare alla Roma?
"Ogni partita è importante, bisogna avere la mentalità giusta e la concentrazione al 100%. Voglio aiutare sempre i compagni e rimanere concentrato per 90 minuti". 

Facevi fatica a giocare in Serie B brasiliana mentre a Roma sei diventato subito titolare. Come hai fatto?
"Ho fatto fatica all'inizio. Importante è stato il cambio di mentalità, di atteggiamento, quello che sto facendo fuori dal campo e questo mi sta aiutando dentro al campo. Ora ho la testa di un professionista, la testa giusta e questo mi sta aiutando tanto. Sono felice di giocare bene e di aiutare la mia squadra".

Stai pensando al rinnovo con la Roma, il cui contratto scadrà a giugno?
"In questo momento penso solo a fare bene qui con la Roma. Ho la motivazione anche di rinnovare il contratto. Sto lavorando duramente per fare le cose per bene. Questa è una cosa che voglio, voglio meritare il rinnovo. Il lavoro è la cosa più importante e se le cose dentro al campo andranno bene allora potranno andare bene anche fuori".

Ti trovi più a tuo agio con la difesa a 3 o a 4?
"Quando giochiamo a 3 posso stare più avanti e sfruttare le mie caratteristiche offensive. A 4, invece, devo stare più basso e difendere di più ma ho giocato con entrambi i sistemi di gioco. Non c'è, quindi, molta differenza. Semplicemente, giocando a 3 posso sfruttare meglio le mie caratteristiche. Giocando a 4, devo sapere quando posso andare avanti, leggere la situazione, la giocata, essere intelligente abbastanza da chiudere e fare la diagonale".