Smalling: "Preso gol quando eravamo in controllo, c'è delusione. Derby importante per la Champions"

23.01.2020 08:50 di Marco Rossi Mercanti Twitter:    Vedi letture
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
Smalling: "Preso gol quando eravamo in controllo, c'è delusione. Derby importante per la Champions"

Al termine della sfida contro la Juventus, è intervenuto il difensore giallorosso Chris Smalling:

Smalling alla Rai

Deluso dalla partita?
“Sono molto deluso perché abbiamo preso gol quando eravamo in controllo, abbiamo sprecato una grande opportunità per vincere un trofeo, non siamo stati cattivi nei gol subiti”.

Cosa serve per competere con la Juventus?
“L’unica cosa che si può fare è lavorare duramente ogni giorno, abbiamo fatto dei passi in avanti ma la Juventus è ancora avanti nel controllo della partita”.

Il derby?
“Siamo delusi ma da domani penseremo al derby perché è una partita importante per un posto in Champions League”.

Smalling a Roma TV

Ci sono stati troppi errori oggi?
"Già in campionato avevamo visto che serviva una gara perfetta. Siamo delusi perché ci hanno puniti con due occasioni. Peccato perché fino al primo gol avevamo tenuto bene il campo".

C’è il rimpianto che si poteva fare qualcosa di più?
"In questo momento è difficile fare un’analisi, la faremo da domani. Ora l’attenzione sarà sulla partita di domenica. Dovremo essere più concreti negli ultimi trenta metri e fare meno errori dietro".

C’è stata suggestione dello stadio o della Juve?
"Non credo sia stata una questione di ambiente. Io e altri compagni avevamo già giocato qui. Nella prima parte del primo tempo stavamo facendo bene. Poi abbiamo abbassato il baricentro e preso il gol di Ronaldo. Siamo amareggiati perché in pochi minuti ci è sfuggita la partita di mano".

Vi ha sorpreso Sarri con i lanci in profondità?
"Non credo perché loro giocano molto per linee interne. Cercavamo di anticiparli, ma eravamo pronti anche a questa eventualità. Serviva una prestazione perfetta e purtroppo non c’è stata".

Smalling in zona mista

Tre partite perse su quattro giocate, qual è il problema? I tanti infortuni o la mancanza di fiducia?

"Difficile dirlo anche perché sono state partite difficili, a tratti abbiamo anche giocato bene. Probabilmente la differenza è stata negli ultimi trenta metro quando abbiamo attaccato e gli errori che abbiamo commesso nella nostra area di rigore. Contro queste squadre bisogna offrire una prestazione il più possibile completa per poter competere anche perché le occasioni le abbiamo create".

Difensivamente come era stata preparata la partita per proteggersi dai tre attaccanti della Juventus?
"Oggi hanno giocato col 4-3-3 ma non cambia molto che giochino con i tre attaccanti o con le due punte con un uomo alle spalle. La nostra idea era quella di essere allineati bene come linea, essere compatti, mantenere la squadra corta e poi quando recuperavamo la palla accelerare gli ultimi metri".

La Lazio è favorita per il derby o la Roma è sullo stesso livello? 
"Il derby è sempre una partita a parte dove la classifica ha un valore relativo e in ogni caso le due squadre sono vicine in classifica. Son due squadre con grandi ambizioni e quindi secondo me è una partita da 50 e 50".

Ti va di dire qualcosa ai tifosi della Roma che comunque si aspettano una prestazione superiore rispetto a quella di oggi? 
"Sono qui da poco tempo ma conosco bene l’importanza di questa partita. Quindi lavoreremo duro già a partire da domani, rivolgeremo la nostra attenzione alla partita contro la Lazio e chi scenderà in campo darà il 100%".

Ti sorprenderebbe vedere Pogba tornare in Italia, possibilmente alla Juventus nella prossima estate?
"Non mi preoccupo troppo del futuro dei colleghi in ogni finestra di mercato".