Ranieri: "Menez e Vucinic nel secondo tempo per scelta tattica"

19.01.2011 23:07 di Giulia Spiniello   vedi letture
Ranieri: "Menez e Vucinic nel secondo tempo per scelta tattica"
Vocegiallorossa.it
© foto di Alberto Fornasari

Claudio Ranieri a Rai Sport:

E' stato molto bello il nostro 2° tempo, il primo è stato ad appannaggio della Lazio bisogna riconoscerlo. Abbiamo subito l'infortunio di Adriano all'inizio, gli è uscita la sapalla. Ho preferito toglierlo nel 2° tempo. Menez sta attraversando un grosso periodo di forma, e lo devo centellinare perchè è troppo importante per noi . L'Inter chi ha raggiunti in classifica? Non è una sopresa e non mi spaventa. Juan ultimo uomo sul rigore? Se fosse andato verso il centro sì, invece andava verso l'esterno.... Adesso dobbiamo pensare a sabato al campionato, il Cagliari è in forma, all'andata ci ha fatto 5 gol. La Lazio poteva segnare nel primo tempo, anche se avessi cambiato subito Adriano e fosse entrato Vucinic. Sapevo che dovevo far passare 45' e mettere poi due pezzi importanti. Reja non vince mai i derby? Per noi va bene (ride, ndr). I casi della settimana? Sono piccole problematiche, dovremmo star più sereni e non farle uscire all'esterno. Chi gioca sabato? Meglio poter scegliere e cambiare la partita come si è fatto stasera e domenica col Cesena. Il sasso al pulmann della Lazio? S,ì ho salutato e dato il mio conforto al team manager della Lazio. Simplicio? Sta facendo quello che tutti ci aspettavamo, è normale che la critica parla dei tenori lì davanti ma anche al centrocampo c'è una bella scelta. Leonardo? Complimenti, è entrato subito in sintonia con i giocatori.

RANIERI in conferenza stampa (a cura di Alessandro Carducci)

Pensa che vengano rivolte troppe critiche nei suoi confronti?
"Fa parte del gioco ma non mi chiedete il motivo"

Come mai Menez e Vucinic in panchina all'inizio?
"Volevo vincere la partita e per questo li ho messi nel secondo tempo. Ci sono i novanta minuti, ci potevano essere i supplementari e poi i rigori. E' stata una tattica."

Adriano come l'ha visto?
"Purtroppo si è fatto male subito alla spalla, gli è uscita, ha stretto i denti e mi ha dato la possibilità di toglierlo nell'intervallo".

Il suo gioco è meno spettacolare di Zeman ma più concreto.
"Zeman quanti derby ha vinto? Io lo adoro ma facendo così cerco di far vincere la Roma".

Lei non ha mai perso un derby in carriera, c'è un segreto?
"No, è un caso. Sono partite molto particolari. C'è la città che ti soffia dietro quando arrivi allo stadio. Invece chiedo scusa per l'episodio del sasso che ha colpito il pullman della Lazio. sono andato a trovare il team manager dei biancolesti per scusarmi".

Se la prese con noi per Simplicio, le abbiamo fatto cambiare idea?
"Non è questo, io faccio giocare chi è più in forma".

E' d'accordo con Reja che ha detto che la Lazio ha giocato meglio?
"Sì, hanno avuto più occasioni però noi abbiamo vinto. Credo che lui stesso avrebbe preferito giocare peggio e vincere".

La Lazio si lamenta per la mancata espulsione di Juan.
"Zarate non andava verso il cono della porta. Se lui avesse puntato la porta sarebbe stata espulsione per Juan".