Pjanic: "Sono felice, sto bene, mi piace la posizione. Dopo il derby serviva una reazione"

08.12.2012 22:42 di Emanuele Melfi Twitter:    vedi letture
Pjanic: "Sono felice, sto bene, mi piace la posizione. Dopo il derby serviva una reazione"
Vocegiallorossa.it
© foto di Federico Gaetano

Pjanic ai microfoni di Sky al termine del match

"Stasera in campo c'erano due belle bellissime squadre. Loro hanno un bravo allenatore, ma eravamo certi della nostra forza, siamo entrati per vincere e si è visto. Abbiamo preso troppo presto il 3-2 anche se potevamo fare altri gol, ma l'obiettivo l'abbiamo raggiunto, dobbiamo fare bene fino a Natale. Il ruolo? Io sono disposizione faccio il meglio possibile, sto bene e ho la possibilità di andare verso la porta cercando gli attaccanti. La squadra vince e io sono felice, mi sento libero di esprimere le mie qualità. L'atteggiamento mentale è giusto, vogliamo sempre vincere cosa che prima non facevamo. Abbiamo reagito dopo il derby perché dovevamo farlo".

Pjanic a Mediaset al termine del match

"Roma bella? Sì abbiamo giocato bene e siamo stati superiori. Abbiamo veramente meritato potevamo fare 1 o 2 gol in più. Come mi trovo in alto a destra? Bene, io gioco dove dice il mister. Mi sento molto bene e sono molto felice: giochiamo bene e otteniamo i risultati. Come cambia la stagione adesso? Non cambia niente. Adesso prepariamo la prossima gara di Coppa Italia. Vogliamo fare bene e vogliamo battere l'Atalanta".

Pjanic a Roma Channel

"Squadra a cui è mancata solo il gol? Abbiamo preso troppo presto il 2-3, abbiamo avuto paura per niente. Abbiamo avuto occasioni per fare altri due gol, ma siamo contenti. Due belle squadre, una bella partita. Siamo stati quelli che hanno avuto più voglia e determinazione. La mentalità è giusta, dobbiamo continuare così. Il nuovo ruolo? Mi piace, ho una libertà di esprimermi e di combinare e di andare in avanti, posso dare palla per segnare, è una posizione che mi piace perché sto vicino alla porta. Anche se non ci ho giocato tanto, il mister mi dà libertà e mi piace. La panchina la forza di questa squadra? Il mister ha fatto molto bene, ha gestito bene. Tutta la squadra è importante e tutti son pronti quando devono entrare. Mi sento molto bene in questo momento, devo continuare così. L'intesa con Totti? Quando ha la palla fa sempre qualcosa di importante, meglio dargliela. C'è solo un Capitano e siamo fortunati ad averlo. Sta facendo una stagione eccezionale e sono molto orgoglioso di giocare con lui. C'è la continuità, non bisogna sognare troppo. Dobbiamo essere realisti e dire che abbiamo fatto il nostro dovere, non è niente di eccezionale. Siamo la Roma, abbiamo perso punti all'inizio e ora li stiamo recuperando. E' molto importante, sappiamo che la posizione della Roma è più vicina a quelle alte, dobbiamo continuare così. Abbiamo una mentalità giusta e dobbiamo continuare a lavorare. Festeggiamo ancora un po', c'è una partita martedì. E' una coppa e in tre partite possiamo giocare una finale, c'è la fortuna di poter arrivare in finale velocemente e dobbiamo giocare con determinazione. Poi c'è il Chievo, dove dobbiamo prendere punti. Quando è scattata la scintilla? Dopo il derby la squadra si è presa per mano, siamo stati a Trigoria a parlare e lavorare, c'è stata una reazione molto positiva. Dobbiamo continuare con questa mentalità e abbiamo giocatori di qualità. La mentalità di entrare in campo per vincere è molto importante. L'assenza di Jovetic? Mi dispiace anche per il Peq, è un giocatore che non ha potuto giocare per motivi familiari. Penso che loro due siano giocatori importanti, hanno un allenatore molto bravo. Oggi siamo stati superiori e dobbiamo continuare così. Come gestire le panchine? NOn ci sono giocatori contenti di andare in panchina, se succede è strano. Tutti i giocatori vogliono giocare, non è normale non essere arrabbiati. Ma dobbiamo pensare alla squadra, poi è l'allenatore che decide. La posizione? Non ero preparato a giocare in questa posizione, poi ho capito come giocare, mi sono andato a prendere palloni, mi sono scambiato con Totti. Piris e Bradley fanno un lavoro impressionante, tutta la squadra fa la differenza".

Pjanic a Tele Radio Stereo

“Se mi piace il ruolo che mi ha affidato Zeman? Mi piace giocare dove mi mette il mister, posso combinare spesso con gli attaccanti, facciamo un bel lavoro con Piris e Bradley. Mia miglior prestazione? E' stata una buona partita, avevo una gran voglia di vincere, sto bene mentalmente, ma già io e la squadra stiamo pensando a martedì. Obiettivi? Puntiamo alla Champions, la Juventus dista sei punti ma abbiamo giocato una partita in più. Sono contento della mentalità della squadra, speriamo di continuare così. Reazione dopo il derby? Sì, abbiamo dimostrato una grande forza mentale. Dopo la sconfitta nel derby abbiamo vinto 4 partite consecutive, questa è la nostra vera forza. Inoltre, giochiamo anche bene”.