Pjanic: "De Rossi via da Roma? Non voglio neanche pensarci, abbiamo bisogno di lui. Dopo Firenze ci siamo rimessi in discussione" FOTO!

05.01.2012 12:21 di Redazione Vocegiallorossa   vedi letture
Gianluca Ricci
Gianluca Ricci
© foto di Voce giallorossa

Alle 12.30 ha avuto luogo a Trigoria la conferenza stampa di Miralem Pjanic.

Che Roma vedremo domenica?
"Siamo pronti, speriamo di continuare quello che abbiamo lasciato intravedere alla fine dell'anno scorso. Siamo fiduciosi, la squadra è pronta".

E' partito Borriello poi ieri si è fatto male Osvaldo, sarà un'assenza importante...
"E' un problema, anche la perdita di Marco è un problema ma il gruppo è ampio e sopperiremo alle assenze, sperando che Osvaldo torni al più presto".

Ieri Pizarro ha abbandonato l'allenamento
"Non ho seguito la vicenda durante l'allenamento. Abbiamo fatto la partitella, magari Pizarro si è arrabbiato perché ha perso, non so, non ho parlato con lui ma non credo sia accaduto niente di grave".

Si parla molto di De Rossi, saresti sorpreso se lasciasse la Roma?
"Non voglio nemmeno pensarci. E' un giocatore così forte, abbiamo bisogno di lui, spero che resti"

Se andasse via sarebbe un ridimensionamento?
"Sarebbe difficile perdere un giocatore così forte, la squadra sarebbe meno forte se non rimanesse ma i dirigenti e il tecnico faranno il massimo per tenerlo. Gli obiettivi sarebbero comuqnue gli stessi, la società ha obiettivi ambiziosi".

Sei stato spesso accostato a Zidane, ti piacerebbe giocare come lui fuori dagli schemi?
"Sono a disposizione della squadra, del gruppo. Luis Enrique già mi lascia una grande libertà e io mi sento sempre meglio. Vorrei essere più dicisivo. Mi interessa mettermi a disposizione del gruppo".

C'è un luogo cui ti senti particolarmente legato?
"Non c'è nessuna città come Roma, sono rimasto piacevolmente sospreso. Oviamente sono legato a Lussemburgo, dove sta la mia famiglia, e poi la Bosnia, dove sono nato e ho molti amici. Ma una città come Roma non la trovi da nessuna parte. Forse la Bosnia è il luogo cui sono maggiormente legato".

Cos’è che ti manca per essere più decisivo?
“Non c’entra niente il ruolo, non voglio giocare più avanti. Devo inserirmi un po’ di più e farmi trovare più vicino alla porta. Vorrei segnare di più, ci proverò. Ho parlato con Luis Enrique, ce la metterò tutta”.

Roma è per te un punto d’arrivo? Pensi di poter conseguire le vittorie a cui aspiri?
“Quando ho firmato, ho firmato un quadriennale. Penso solo ed esclusivamente alla Roma. Se i dirigenti, i tifosi e io stesso siamo contenti della mia permanenza, sarò lieto di rimanere. Farò il massimo per rispettare il contratto, penso esclusivamente a rimanere”.

Viste le ultime tre partite, la Roma può arrivare in Champions League?
“Penso che abbiamo recuperato parte del nostro ritardo, siamo tornati a un buon livello ma bisogna vedere partita per partita. La stagione è lunga, dobbiamo continuare a lavorare e poi eventualmente vedere dove ci troviamo e vedere quali saranno gli obiettivi. La zona Champions è un obiettivo normale per il nostro club, dobbiamo continuare senza fomentarci”.

Cosa stai imparando da Francesco Totti?
“Sappiamo che la squadra con Totti o senza cambia. Ci dà tanta sicurezza, la squadra è più libera. Giocatori di questa qualità ne ho visti pochissimi, sto imparando tanto da lui. Sono molto felice di avere la fortuna di giocare con lui e con De Rossi, spero di avere la fortuna di giocare con loro a lungo. Devo solo sentire i loro consigli, spero di diventare un giorno come Francesco”.

Quanto ritieni importante il rafforzamento della squadra?
“Non posso rispondere a questa domanda, il gruppo ha grandissime qualità. Non abbiamo bisogno di ulteriori acquisti, ma non spetta a me dirlo. Ci sono allenatori e dirigenti più competenti di me per decidere, preferisco dedicarmi al campo”.

L’italiano?
“L’italiano lo capisco, vorrei vedere voi a parlare 5-6 lingue. Non è facile, sono arrivato pochi mesi fa e già capisco la lingua, ma non mi sento a mio agio per esprimermi senza errori. Parlo 5 lingue, l’italiano sarà presto la sesta.

I gol?
“Non mi voglio mettere pressione, ci riuscirò. Se continuo a lavorare così i gol arriveranno presto e ne guadagnerò in fiducia”.

E’ un problema allenarsi il pomeriggio?
“In nessun modo”.

Il miglioramento della Roma può essere dovuto a una formazione base?
“E’ possibile che questo abbia portato a una certa stabilità, so che possiamo contare su tutto il gruppo. Quelli che sono stati chiamati hanno fatto bene. Luis Enrique fa affidamento su tutti e questa è la nostra forza, la stabilità ci darà sicurezza ma il mister fa delle scelte e sono sicuro che nel futuro andremmo alla grande”.

Roma diversa dopo Firenze. Cosa è successo?
“A Firenze non nsiamo stati fortunati, gestivamo bene la partita e c’è stato il secondo gol che è stato una batosta. Questa sconfitta è stata dura perché abbiamo concluso in 8 e anche moralmente questo pesa. La squadra non aveva giocato male, poi abbiamo parlato e ci siamo rimessi a lavorare e ci siamo rimessi in discussione. La squadra voleva mostrare un altro volto anche per i tifosi, per loro è dura e ci sentivamo in dovere di ripagarli. Siamo sulla giusta strada, dobbiamo continuare a mostrare gioco e rabbia, sono sicuro che le cose andranno bene. Ciò che stiamo facendo è un bel gioco”.