Pellegrini: "De Rossi è il mio idolo. Lo spogliatoio è molto unito. Piacevo alla Lazio"

20.01.2018 09:11 di Marco Rossi Mercanti Twitter:    vedi letture
Fonte: SportWeek
Pellegrini: "De Rossi è il mio idolo. Lo spogliatoio è molto unito. Piacevo alla Lazio"
Vocegiallorossa.it
© foto di Insidefoto/Image Sport

Lorenzo Pellegrini, centrocampista della Roma, è stato protagonista di un'intervista a SportWeek. Ecco uno stralcio delle sue dichiarazioni:

Quando Rudi Garcia l’ha fatta esordire in A, nel 2015, si sentiva pronto a giocare nella Roma. Invece si ritrova al Sassuolo…
"Non smetterò mai di ringraziare Garcia, ma sono andato al Sassuolo consapevole di quello che stavo facendo: volevo crescere, diventare uomo. Roma è una grande piazza, non semplice da gestire anche per un romano. Serve quel pizzico di personalità che credo di aver limato al Sassuolo".

Quando a giugno fa il suo esordio in Nazionale, contro il Liechtenstein, è abbracciato a De Rossi al momento dell’inno: un caso o le serviva il suo sostegno?
"In vita mia ho avuto due idoli. Il primo è Ronaldinho (…). L’altro è Daniele e lo ha confermato aiutandomi per tutta la partita: mi diceva di stare tranquillo, di osare. Oltretutto con Ventura si giocava col 4-2-4, quindi il centrocampo era tutto nostro".

L’estate scorsa torna in giallorosso dopo aver rifiutato le proposte di Juventus e Milan. Ha spiegato di aver scelto per la “fede calcistica” e perché “una cicoria tanto buona si trova solo a Roma”.
"Vero, la cicoria qui è migliore! Scherzi a parte, con i procuratori abbiamo valutato tutte le opzioni, perché all’inizio erano interessate altre squadre. Ma quando si è fatta avanti la Roma… In famiglia, poi… figuratevi mio padre… Il club ha esercitato la recompra, quindi non ha dovuto trattare con il Sassuolo, è stato più facile per tutti. E con Di Francesco avevo già trascorso due anni importanti".

Sarebbe stata più dura indossare la maglia della Juventus o della Lazio?
"C’è stato anche l’interesse della Lazio ma, essendo romanista da sempre, è stata una scelta serena".

Una squadra di romani de’ Roma. C’erano Totti-De Rossi-Florenzi, ora De Rossi-Florenzi-Pellegrini.
"Ho provato a chiedere di battere tutti i record e schierarne quattro. Anche perché Checco sta alla alla grande! Sarebbe stato fichissimo condividere lo spogliatoio con lui, ma c’è tutti i giorni. È stupendo lo stesso".

Che giocatore è Pellegrini?
"Devo migliorare soprattutto la fase difensiva. Il mister mi ripete sempre che correre in avanti è facile ma è correre all’indietro che fa la differenza per un centrocampista. Le mezze ali di questa generazione devono essere tuttocampisti. Ci vuole più aggressività nel portare via la palla all’avversario. Di sicuro mi piace tirare in porta, giocare tra le linee, inserirmi negli spazi. Spero che mi venga anche bene".

Viene preferito a Strootman?
"Ma no, credo che quest’alternanza in campo faccia bene a tutti. A proposito di serenità: ognuno ha il proprio spazio e di conseguenza questo spogliatoio è tanto, ma proprio tanto unito".