Paul Rogers: "Vi racconto come è nato il tweet del gol di Manolas al Barcellona. Anche chi non è tifoso della Roma ci segue"

16.10.2018 18:28 di Jacopo Simonelli Twitter:    vedi letture
Paul Rogers: "Vi racconto come è nato il tweet del gol di Manolas al Barcellona. Anche chi non è tifoso della Roma ci segue"
Vocegiallorossa.it
© foto di Insidefoto/Image Sport

Il responsabile dei social media della Roma, Paul Rogers, ha rilasciato un'interessante intervista a bleacherreport.com. Partendo dal tweet postato dopo il gol di Manolas al Barcellona.

"Quello - ammette - è stato il nostro miglior tweet. L’idea del picchiare casualmente sulla tastiera non è stata particolarmente brillante, ma ha espresso perfettamente l’emozione del momento. Ha ricevuto oltre 320mila like e 180mila retweet su un account da 1,6 milioni di followers. Una reazione pazzesca. Per capirci, gli account delle altre tre squadre che hanno raggiunto la semifinale hanno ricevuto 52mila like e 25mila retweet su account da 42 milioni di followers. Quella stessa sera il profilo in lingua inglese ha postato il meme “If you don’t love me at my…” che ha ottenuto oltre 150mila like e 75mila retweet. Si può dire che dopo la vittoria contro il Barcellona la squadra social ha festeggiato con qualche birra”.

Sul successo dei social media della Roma...
“Il nostro profilo Twitter probabilmente si distingue perché non è noioso e monodimensionale come molti account ufficiali dei club. Se chiedi a molti appassionati di calcio perché scelgono di seguire l’account in inglese della Roma, probabilmente ti diranno perché è divertente, è coinvolgente e attira la tua attenzione. A volte può far ridere o sorridere i follower, altre volte può farli pensare, renderli orgogliosi, confonderli o sfidarli e, si spera, metterli in contatto con persone con cui altrimenti non potrebbero mai comunicare”.

Chi c'è dietro la figura di Roma Admin?

“Attraverso Roma Admin, il content manager, abbiamo creato un personaggio che è riuscito a riunire le persone in un modo divertente. Non sono solo i tifosi della Roma, ci sono anche quelli di Arsenal, Liverpool, Real Madrid, Barcellona, ​​Juventus, Milan, Celtic, Chelsea e tanti altri club, grandi e piccoli, in tutto il mondo. Abbiamo davvero abbracciato i nostri follower e reso accettabile essere un fan dell’account Twitter, anche se non sei un tifoso della squadra. Molti miei amici e parenti da casa tifano Liverpool, Arsenal, Celtic o Manchester City e tiferanno sempre quelle squadre, ma so che seguono la Roma su Twitter perché li fa ridere, e molti di loro hanno iniziato a interessarsi di più alla Roma anche in campo. Se leggo un commento di un tifoso della Juventus o di un tifoso del Manchester United che dice: ‘Io non tifo Roma ma adoro questo account‘, sono felice. Cerco di guardare ciò che sta succedendo nel mondo piuttosto che ciò che sta accadendo nel mondo del calcio. Il calcio non esiste nel vuoto, anche se pensa che lo faccia. Il mondo è cambiato radicalmente negli ultimi anni e persone come Donald Trump, Kanye West, Liam Gallagher e Wendy hanno stracciato il libro delle regole su come le celebrità e i marchi usano i social media e interagiscono con il pubblico. Nel caso dei primi tre, non c’è semplicemente nessun filtro e ciò che le persone ottengono, buono o cattivo, è senza dubbio diretto dalla persona che twitta. Nessuno legge un tweet di quei primi tre capricci con errori di battitura, imprecazioni, o privi di senso  e pensa che sia stato scritto da un’agevole agenzia di social media. Siamo bombardati da così tanti contenuti in questi giorni, dal momento in cui ci svegliamo al momento in cui andiamo a dormire, che semplicemente non abbiamo tempo per insensatezze insignificanti di marketing aziendale. Contenuti che non stimolano e non suscitano alcuna reazione fanno esattamente questo: vengono ignorati. Nessuno condivide un pezzo dal contenuto noioso”.

Segui i profili social degli altri club?
"Mi fa piacere vedere che stiano cambiando anche i club che prima erano più noiosi su Twitter. Stanno introducendo un certo umorismo nei loro account, visto che funziona così bene per club come Roma, Leverkusen, Bayern Monaco e altri. Penso sia bello che stiano cercando di mostrare un po'  di personalità, anche se non è facile perché a volte non risultano divertenti o a volte sono semplicemente fuori luogo per il loro account. Per farlo bene, penso che tu abbia bisogno di sviluppare un tuo stile. Non puoi tirarti indietro non appena un tweet non funziona bene o ricevi qualche critica".

Com'è il tuo rapporto con Pallotta?
"Sono fortunato a lavorare con uno come Jim, che ha sostenuto questa strategia di contenuti sin dal primo giorno. Lo capisce e questo mi rende la vita molto più facile. Quando parlo con persone che lavorano in posizioni simili in altri club o marchi, dicono che la cosa più difficile è ottenere il buy-in dall’alto, dato che ci sono un sacco di middle manager tra loro e il proprietario che cerca di soffocare qualsiasi contenuto ritenuto rischioso".