Pallotta: "Il VAR può eliminare le problematiche in Champions League: gli arbitri si rendono conto di sbagliare"

03.05.2018 17:20 di Simone Ducci Twitter:    vedi letture
Fonte: SiriusXM FC 157
Pallotta: "Il VAR può eliminare le problematiche in Champions League: gli arbitri si rendono conto di sbagliare"
Vocegiallorossa.it
© foto di Federico Gaetano

Il presidente giallorosso James Pallotta è intervenuto ai microfoni della radio statunitense SiriusXM FC 157 per parlare dell'arbitraggio del match di ieri tra i giallorossi e il Liverpool in Champions League all'Olimpico: "Se si guarda la Champions League, tutti hanno detto che eravamo nel Girone della morte e abbiamo finito per vincerlo, quindi credo che abbiamo sorpreso tutte le persone. Poi per superare Barcellona e Liverpool i ragazzi hanno sempre combattuto e combattuto, non importa cosa sia successo. Se sono angosciato? Ci passerò sopra, ma è un eufemismo dato che ho guardato la seconda parte della gara nella sala del coach e quindi in una base reale e, guardando i replay, ho visto un sacco di chiamate mancanti interessanti, diciamo così. Penso che ci fossero quelle chiamate. Sembrano mancarci ed è per questo che ero così arrabbiato, qualcosa doveva essere fatto. So che gli arbitri faranno degli errori e so che questi ragazzi si rendono conto che hanno commesso alcuni errori importanti e che probabilmente sono piuttosto depressi, ma allo stesso tempo questi problemi possono essere risolti grazie al VAR. Penso solo che in competizioni come queste il VAR deve essere usato. È diverso rispetto a una partita di basket, hai segnato 120 punti, ci sono dinamiche diverse. Quando un obiettivo è così importante e alla fine della giornata perdiamo su un totale di 7-6, con un paio di occasioni ovvie e un cartellino rosso mancante, è difficile da digerire, sai? Il Liverpool è una squadra spettacolare con grandi giocatori, un grande allenatore, grande organizzazione. Mi sono tolto i cappello davanti a loro e gli auguro il bene. Abbiamo altri tre match nel nostro campionato e vogliamo tornare in Champions League come abbiamo fatto costantemente negli ultimi cinque anni quindi sì, io sono abbastanza felice dei miei ragazzi. Siamo realisti qui, il Real Madrid ha probabilmente tre o quattro volte le nostre entrate, il Bayern Monaco ne ha almeno il doppio se non tre volte, il Liverpool ha più del doppio delle entrate. Quindi stiamo combattendo una battaglia di calcio contro gli altri tre semi-finalisti con un budget sostanzialmente diverso dal loro, quindi penso che meritiamo molto credito. Penso avremmo potuto giocare bene contro tutte le squadre e lo abbiamo fatto, in realtà, onestamente, la squadra contro cui probabilmente non volevo giocare era il Bayern. Il Liverpool? Mi sono sentito bene con gli altri, penso che abbiamo commesso alcuni errori nella prima partita con il modo in cui abbiamo giocato contro di loro, chiaramente. Ci sono state un paio di chiamate ma, sai, le chiamate accadono. Penso che nella gara di ritorno se guardi le statistiche dell'intera partita, a parte un errore fatto da Radja [Nainggolan] e un errore in cui [Edin] Dzeko è stato spinto quasi fuori dagli schemi per il suo secondo goal, in realtà abbiamo giocato una partita davvero molto buona e avuto la possibilità di segnare cinque o sei gol se alcune cose fossero andate a nostro favore".