Oliveira: "Ero il secondo rigorista, ho preso la palla e ho fatto gol. Peccato ci fossero pochi tifosi per il COVID-19"

17.01.2022 08:00 di Marco Rossi Mercanti Twitter:    vedi letture
Oliveira: "Ero il secondo rigorista, ho preso la palla e ho fatto gol. Peccato ci fossero pochi tifosi per il COVID-19"
Vocegiallorossa.it
© foto di www.imagephotoagency.it

Nel postpartita di Roma-Cagliari, ha parlato Sergio Oliveira. 

Oliveira a DAZN

Sei arrivato da poco e hai già deciso la partita, una vittoria fondamentale. Ti aspettavi un esordio così speciale?
“Una partita che dovevamo assolutamente vincere, siamo riusciti a portare a casa i tre punti. Peccato ci fossero pochi tifosi per il COVID-19”.

Quando avete deciso chi avrebbe calciato il rigore?
“Era Pellegrini il rigorista, poi si è fatto male. Io ero la seconda opzione. Ho preso la palla e ho fatto gol, ma quello che conta è la vittoria della Roma e di questo sono contento”.

Si può raggiungere l’obiettivo Champions?
“Pensiamo una partita per volta, pensiamo alla prossima poi vedremo”.

Oliveira ai canali della Roma

“È stata una bella sensazione. Mi ero già sentito benissimo quando sono arrivato, dato che ho ricevuto un'accoglienza davvero fantastica da parte di tutti, di cui sono grato. Questo vale per tutto lo staff, gli allenatori, i giocatori e i tifosi. Aver ottenuto i tre punti in casa dà una sensazione di realizzazione. Ho giocato nella posizione in cui Mourinho mi ha detto di giocare e ho fatto ciò che mi ha chiesto. I tre giorni in cui sono stato qui mi hanno aiutato a capire come gioca la squadra. Sono stato in grado di capire alcuni movimenti tattici e mi sono sentito bene in campo in tutta onestà. È una sensazione bellissima perché so quanto sia speciale lo Stadio Olimpico di Roma, i nostri tifosi sono fantastici ma è stato un peccato non esordire davanti a uno stadio pieno. Speriamo che lo stadio sia di nuovo pieno prima di quanto pensiamo".