Manolas: "Malcom? Non lo saluterò, non conoscevo nemmeno il suo nome prima. I giocatori non vogliono andare via dalla Roma"

30.07.2018 22:44 di Redazione Vocegiallorossa Twitter:    vedi letture
Manolas: "Malcom? Non lo saluterò, non conoscevo nemmeno il suo nome prima. I giocatori non vogliono andare via dalla Roma"
Vocegiallorossa.it
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport

Direttamente dagli Stati Uniti, Kostas Manolas ha parlato a pochi minuti dall'allenamento mattutino.

Rispetto all’anno scorso, nota differenze nel lavoro del mister?

"Sì, quest’anno sappiamo quali sono le cose che vuole fare. Le cose ci riescono più facili, gli allenamenti sono più divertenti. Stiamo lavorando meglio".

Tra i nuovi conosceva già Marcano. Quanto è importante la sua presenza, la presenza di giocatori esperti come lei, per l’inserimento di tutti questi giocatori nuovi?
"Ho giocato con lui per 6 mesi all’Olympiakos, cerco di aiutarlo per farlo entrare nel gruppo il più velocemente possibile. Lui è un ragazzo esperto, lo farà facilmente".

Avrà seguito il caso Malcom. Questa squadra ha bisogno di un centrocampista centrale o di un attaccante destro? Quali sono le priorità secondo lei?

"Non saprei dire chi dobbiamo prendere o comprare, di questo si occupano il direttore e l’allenatore. Il caso Malcom? Ha deciso così, se non vuole venire a Roma è meglio che vada al Barcellona. Può continuare là".

Lo saluterà domani sera?
"No, non lo conoscevo prima, neanche il suo nome. Non c’è motivo per salutarlo".

La sfida contro il Tottenham?
“Contro il Tottenham abbiamo 4 gol su 5 tiri. Dobbiamo migliorare in questo. L’anno scorso siamo stati bravi. Dobbiamo anche fare meglio in avanti”.

El Shaarawy si è tolto dal mercato. Tu?
“Confermo quello che ho detto in passato”

Alisson?
“Lui è stato uno dei migliori l’anno scorso. Davanti a queste offerte non si può far niente. Speriamo che Olsen possa fare bene”.

Come vedi Olsen?
“L’ho ancora visto poco. Lo si vedrà durante le partite”.

De Rossi ha detto che è cambiato un po’ il vento nella Roma.
“Per me non è facile pensare di andare via. Si sta bene, la squadra ti dà tutto e la città è bellissima. I giocatori non vogliono andare via. Alisson è andato via perché l’offerta era irrinunciabile. Se qualcuno vuole andare via lo deve fare”.

Si può togliere la clausola del contratto?
“Non ne abbiamo parlato col DS”.

Cosa si potrebbe fare per evitare cali in campionato?
“Dobbiamo essere più concentrati contro tutti. Dobbiamo entrare in campo come abbiamo fatto in Champions. I tifosi ci devono dare la giusta spinta”.

Cosa è cambiato dalla sfida contro il Barcellona?
“La mentalità della Roma è di entrare in campo per vincere. Spero di fare meglio dell’anno scorso”.

Di cosa ha bisogno la squadra?
“Non me ne occupo di queste cose. Ci pensano il mister e il DS”.