Luis Enrique: "Contentissimo dei ragazzi, usciamo da Genova a testa alta"

26.10.2011 23:02 di Yuri Dell'Aquila   vedi letture
Luis Enrique: "Contentissimo dei ragazzi, usciamo da Genova a testa alta"
Vocegiallorossa.it
© foto di Alberto Fornasari

Luis Enrique a Sky
"La Roma ha giocato ma il Genoa ha vinto? Sì, ma sono contentissimo, è la prima volta che vedo la squadra giocare come voglio io, il calcio è ingiusto. Abbiamo fatto la nostra gara, è una squadra di campioni, usciamo a testa alta da Genova. Subiamo troppo nel finale? E' una situazione particolae, capita inaspettatamente, dovevamo vincere. Ho fatto i complimenti a Malesani perché questo è il calcio. Per me le cose importanti sono venire qui e dettare il gioco, fare la partita, a volte si vince a volte si perde. Questa è una squadra che oggi per novanta minuti ha fatto quello che voglio. I quattro attaccanti? Ho considerato che il Genoa era tutto indietro e dovevamo aprire il campo il più possibile, volevo vincere, ripeterò questa soluzione. Panucci? Ci siamo incontrati in campo, è bravissimo. In Italia le squadre di basso livello sono molto organizzate e aspettano la Roma, difficile battermi quando saliremo i livello? E' normale, conoscono il nostro gioco, portare più uomini possibili nell'area avversaria, questa è la mia filosofia, se giochiamo così vinciamo 7 partite, ne pareggiamo 1 e ne perdiamo 2! Quanto tempo manca per vedere la vera Roma? Questa è la prima volta che la vedo. Dobbiamo ancora migliorare molto ma questa è la Roma che mi piace. Sapremo rialzarci? Sicuramente sì, il calcio non può essere sempre ingiusto".

Luis Enrique a Roma Channel
"I gol incassati sono colpa nostra, ma ho visto una squadra di campioni che fa la sua proposta. Mi dispiace per i tifosi, la squadra e la società, ma faccio i complimenti ai miei ragazzi. La squadra c'è, poi non so se vinceremo. Non mi hanno preso per difendere, questa è la mia proposta. Manca la cattiveria, ma non solo. Sono contento della rosa e penso che miglioreremo. Credo che sia stata una partita quasi totalmente controllata da noi, il primo gol è stato figlio di una disattenzione infantile che può capitare. Il Milan? Non ho paura di nessuna squadra che viene all'Olimpico; noi faremo la nostra partita e vedremo chi è il migliore".

Luis Enrique a Mediaset Premium
“Non mi importa della sconfitta. Ho visto una bella gara della mia squadra. Sono soddisfatto dei novanta minuti ed il risultato è sicuramente ingiusto. Deconcentrati in difesa? Cerco di vedere sempre il lato positivo della mia squadra. Per la prima volta posso dire che i miei hanno seguito le mie indicazioni per tutti i novanta minuti. Dobbiamo migliorare, ma sono più che soddisfatto.

 Luis Enrique in conferenza stampa
"Il risultato più ingiusto per me da quando sono nel calcio italiano. Faccio i complimenti al Genoa e all'allenatore che ha fatto la sua partita. Sono molto contento, che fa quello che voglio, che da primo minuto rischia, pressa alto e poi po' succedere che in questo sport si può perdere o vincere. Questo lo so, l'ho visto tante volte però penso sia la strada giusta per la mia squadra, non so se vincerò ma ho visto la squadra che io voglio. Mi dispiace per i giocatori, per la società e il tifo ma sono tranquillissimo.
Pentito di giocare con la difesa a tre troppo tardi senza l'attacco del Genoa? Ho giocato come sempre, noi lavoriamo ogni giorno per esser la migliore squadra. Il nostro lavoro è vedere quello che fa l'altra squadra. Io sono sicuro che se questa partita si ripete 10 volte, 7 vinciamo 2 pareggiamo e una è questa, è la mia idea. Se questo risultato influisce sul morale dei giocatori?
Non lo so, quando succede è mancanza di concentrazione, ma non mi preoccupa. Spero che succederà anche agli avversari non solo a noi. Dobbiamo migliorare ho visto una squadra come io voglio. Tanto controllo di palla ma manca il finale, di chi è stato l'errore? Del Genoa, che non si è aperto lasciandoci un corridoio centrale e dicendoci di passare".